CONSIDERAZIONI NOTTURNE – RIKY ANELLI – RECENSIONE

anelli

Di Riky Anelli, mi ricordavo una partecipazione tra i giovani del Festival di Sanremo di una decina di anni fa’ o forse più: cantava di aver vinto un viaggio nel cuore di qualcuno (?) con un taglio di capelli improbabile che solo alcuni anni dopo ritrovai in Dolcenera , ed onestamente non mi colpì per niente; Contrariamente, le radio ed il pubblico dell’epoca lo premiarono di un buon successo .

Lo ritrovo quest’anno tra le interviste memorabili della Mosca Tze Tze (QUI) e poi tra gli aspiranti 60 finalisti in corsa per Sanremo Giovani con un brano interessante, Ti porterò, folkeggiante ed allegro, ed allora mi sono incuriosito:

Quello che ho scoperto è che lo scorso novembre è uscito un album di Riky Anelli che si intitola Considerazioni notturne; dodici inediti firmati dallo stesso cantautore bergamasco ed un “nuovo” debutto sicuramente più maturo e convincente di quello ufficiale:
Dodici storie di apertura al cantautorato più tradizionale, quello che attinge le sue radici nella provincia e nel folk, tra le storie vere della gente fatte di tradimenti e redenzioni da sabato pomeriggio, la pochezza, la pace così come l’esortazione a “prendere una posizione” politica o religiosa che sia (Scegli /Arrow Joe). Condite dalle chitarre di un paese in festa e tanta ironia le “considerazioni” di Riky si fanno in alcuni casi più dolci ed intimiste rivelando una natura più “notturna” e personale anche nei contenuti che si spostano sulla sfera privata del loro autore (Canzone del pomeriggio/L’isola del tesoro).

Tra i titoli della tracklist troviamo anche Svuota tutto, brano vincitore del premio Fabrizio De Andrè 2013 e la targa Repubblica.it assegnata dai lettori del portale per il valore musical/letterario del testo.
Il tutto prendendosi sul serio sempre con la giusta misura, tra impegno e leggerezza.

L’approccio acustico e “dal vivo” di tutto il disco è evidente, ed è probabilmente conseguenza della lunga serie di spettacoli che Riky e la sua band ( The Good Samaritans ) hanno tenuto in giro per l’Italia in questi anni di “silenzio” (discografico) , cosa che costituisce il vero punto di forza di tutto il progetto, che suona autentico e vivo.

Considerazioni notturne è dunque un buon album che non intende reinventare niente, ma semmai recuperare quell’attitudine alla parola cantata con un senso e al suono “vero” degli strumenti molto spesso latitante nei dischi moderni, soprattutto tra i giovani. Bravo.

CANZONE MIGLIORE: L’isola del tesoro
VOTO: 7.5/10

  Sono nato a Roma nel 1987, ed è qui che ho deciso di tornare dopo qualche anno di vagabondaggio per studio e lavoro. La musica è la mia passione vera; da sempre ho avuto l’esigenza di ascoltare, scoprire ed esplorare generi ed artisti diversi. La mia vena critica e quella polemica mi hanno portato su All Music Italia dove recensisco i dischi italiani in uscita più interessanti.
segui su: