X FACTOR 9: nella 2a puntata lasciano il segno il giovanissimo LUCA VALENTI, il sempre sorridente ELIJAH WALTI, SELENE e il già “noto” MARCO SBARBATI.

xfactor-eljah-walti

E’ andata in onda ieri sera la seconda puntata di X Factor 9 dedicata alle audizioni del programma, questa volta a Bologna.I giovani talenti si sono esibiti di fronte ai giudici di questa nona edizione: Elio, Fedez, Mika e Skin; la prima giuria dell’edizione italiana formata solo da musicisti.

Per chi si fosse perso il secondo giro di audizioni ecco il riassunto della puntata con tutti i talenti che si sono distinti nel corso della serata e qualche sorpresa…

Come nella prima puntata anche questa volta si sono alternate esibizioni degne di nota ad altre al limite della parodia, ma funzionali a rendere lo show fresco e divertente.

La puntata inizia e Skin che annuncia il primo concorrente, è Luca Valenti 16enne studente al liceo classico con una media dell’otto. Il ragazzo ha la testa sulle spalle e la faccia da teen idol. Canta Another love di Tom Odell.
Attacca a cantare e subito colpisce per il suo timbro profondo e caldo nonostante la giovane età. Il pubblico ne rimane conquistato e gli regala dapprima un applauso, quindi inizia ad accompagnarlo durante l’esibizione battendo le mani al ritmo della canzone.
Ad esibizione conclusa Elio fa i complimenti per il controllo vocale e l’intonazione, Skin fa notare subito quanto sia carino esteticamente e preciso musicalmente.
Infine anche i due restanti giudici si sbilanciano ulteriormente: Mika afferma che il ragazzo ha un timbro memorabile e Fedez che potrebbe essere la perfetta unione tra il teen idol e un protagonista da palcoscenico. Con questi presupposti per lui ovviamente arrivano quattro sì.

xfactor-luca-valenti

Prima della seconda esibizione fa il suo ingresso in studio tra gli applausi del pubblico l’amatissima Mara Maionchi. Tocca al cantautore Diego Esposito; anche su di lui i giudici sono concordi e il suo timbro di voce “vissuto” gli permette di continuare la corsa nel programma. Stesso esito per Floriana Pappa, diciottenne che intona, accompagnandosi con la chitarra, Halo di Beyonce.
Passa anche Marco Sbarbati, cantautore busker scoperto da Lucio Dalla mentre cantava in Piazza Maggiore nel 2008 e prodotto successivamente da Caterina Caselli. Il cantante ha avuto una discreta visibilità mediatica e sulla stampa nazionale. Anche per Martina Galli tutti i giudici sono concordi in maniera positiva.

Il primo no della puntata accompagnato dai fischi incessanti del pubblico nei confronti dell’esibizione, arriva per la “poliedrica” Rosi Talarico che canta Sirene di Fedez feat Malika Ayane. Viene stoppata dai giudici prima della fine dell’esibizione e mandata a casa con naninn po’ di lecita ironia sui suoi dieci anni passati a studiare canto. Rosi afferma un po’ seccata che può capitare di sbagliare la canzone e abbandona lo studio.
E’ il momento di un divertentissimo ragazzo americano Eljah Walti definito da Fedezun piccolo pusher della felicità” in quanto non fa altro che ridere e sorridere nel dialogo con i giudici. Canta un pezzo di Chuck Berry accompagnandosi con l’ukulele di cui conosce solo 4 accordi (bastano per comporre una hit mondiale sottolinea Elio). La giuria non smette di sorridere contagiata dal ragazzo e il pubblico gli regala una standing ovation. Non c’è dubbio che per lui ci siano quattro meritati sì. Lui imperterrito continua a ridere ad ogni cosa che gli viene detta, abbraccia la giuria e si interroga sul perché Skin gli abbia strizzato il culo.

Prima band della serata sono i Landlord . Suonano insieme da tre anni e non hanno ancora pubblicato nulla sul mercato discografico. Cantano West coast di Lana Del Rey. Scelta molto particolare per una band. Il brano viene eseguito con molta eleganza anche se con alcune sbavature. Il pubblico regala loro l’ennesima standing ovation, Ma Elio non è convinto in quanto ha sentito troppi errori nell’esecuzione e l’incapacità in alcune parti del brano di restare a tempo. Mika interviene in loro difesa e alla fine il gruppo passa con 3 sì e il solo no di Elio.
E’ il turno di una ragazza, la messicana Fabiola Osorio trasferitasi in Italia per amore. Canta un pezzo degli Ac/Dc, ma La sua energia non riesce a convincere tutti i giudici; Skin ha qualche dubbio e Mika ha trovato scollegati canzone, voce e modo di cantare. Due sì non bastano a farli passare ma a sorpresa il pubblico reclama mai come prima d’ora ed urla “dentro“. La ragazza viene fatta rientrare sul palco e su richiesta di Mika si esibisce su un altro brano a cappella questa volta di natura pop e con questa canzone ottiene il sì del cantante ed accede ai BootCamp.
Nuova band in gara o meglio un duo, gli Osc2x che presentano Boyband dei Velvet in una nuova veste più scarna ed essenziale. Mika definisce l’esibizione “una figata”, Elio si complimenta sia per la scelta di un brano di gruppo italiano che per l’energia. Anche per loro direzione BootCamp con quattro sì.

La sinergia che si è creata in giuria, soprattutto tra il più rilassato Fedez, e Mika, è papabile (non a caso i due hanno anche inciso un duetto insieme per la nuova uscita discografica di Fedez).
Tocca a Mika annunciare una nuova ragazza sul palco. Si tratta di Selene, voce di un gruppo che all’ultimo momento ha deciso che X factor non era probabilmente la strada più adatta a loro. Selene non si è fatta scoraggiare e ha deciso di continuare il percorso da sola. Sul palco presenta il capolavoro di Samuele Bersani, Giudizi universali, regalando allo show un momento di musica molto intenso, conquistando quattro sì e arrivando a far commuovere Fedez.
Tocca ad un terzetto di artisti che presentano brani inediti.
Il primo è in inglese e lo canta il bizzarro Antonino Davide Corrado in arte Anthony. Il giudizio di Mika dice tutto sulla qualità dell’esibizione “tu canti senza pensare alle conseguenze. Grazie per la visita“. Dopo di lui arriva Massimo Scala, giardiniere di 47 anni, che presenta l’inedito Esofago… “…potessi entrare nella galleria della mia bocca spalancata e poi via nell’esofago“… cotanta “genialità” non viene compresa dai giudici che lo rimandano a casa.
Infine è il turno di Santino Cardamone. La sua ironia viene premiata dai giudizi e lui interdetto esclama: “non ho capito, ho vinto?

Al rientro dalla pubblicità il pubblico urla in direzione della giuria “ukulele” indicando una ragazza  tra loro. E’ una fan degli Skunk Anansie che vorrebbe che Skin le autografi lo strumento. L’artista lo fa e poi la invita a salire sul palco e fare un’audizione a sorpresa.
Si chiama Elisa Zoccali in arte Zoci e canta proprio un brano degli Skunk. Convince la giuria e con quattro sì va diretta ai BootCamp. Certo viene da chiedersi come faccia ad arrivare sul palco , cantare con lo base e conoscere il taglio esatto con cui eseguirà la canzone… ma The Show Must go on.
Nuova band sul palco, questa volta un gruppo vocale, gli Street chords. Intonano (e arrangiano) Wake me up di Avicii l’esibizione è impeccabile (nonostante si sia consci di tutti i problemi a cui un gruppo vocale può andare incontro discograficamente) ed ottiene la standing ovation dal pubblico e i complimenti dei giudici.

xfactor-skin-zoci

La puntata si avvia alla conclusione. Arriva Massimiliano D’Alessandro, allevatore di cavalli e musicista a metà. Ama il blues e il country ed è autodidatta.
Non ci sono dubbi il suo timbro caldo conquista tutti unanimemente. Mika gli dice che dimostra più dei suoi 34 anni e Massimiliano risponde in maniera molto naturale”perché lavoro, ho le mani rotte…” mostrando le mani. Il ragazzo è sul palco di X Factor per cercare una rivincita per tutti i sacrifici fatti. E la prima rivincita arriva con i quattro sì entusiasti della giuria.
Andrea Xeniadis di 19 anni canta un pezzo di Stewie Wonder ma non convince Mika che, dopo l’esibizione, “non sente l’esigenza di sentire un suo disco“.  A questo punto parte una clip che ironicamente mostra tutti i no di del giudice.
A chiudere il programma arriva il momento più paradossale dell’intera serata, si tratta di Miriam da Atene, che porta in dono un ritratto di Mika e canta propria la sua Stardust… o meglio ci prova in quanto sbaglia due volte l’attacco e non azzecca una nota. Un disastro totale al punto che il cantante sale sul palco a duettare con lei e a fine esibizione dice ironicamente che sono diventati un duo vocale. I giurati per simpatia, assegnano alla ragazza quattro assurdi e comici sì con Fedez allibito e divertito allo stesso tempo che si chiede “ma è la votazione vera?!?”.

x-factor-mika-miriam

Anche questa puntata si conclude con il ritrovo sul divano del backstage dei quattro giudici con Mara Maionchi a commentare l’ultima esibizione.
L’appuntamento è per giovedì prossimo per nuove audizioni.

 

Foto: Pagina ufficiale Sky/X Factor

  Cresciuto con la passione per la musica dopo l'adolescenza inizia a frequentare il Music Business. Le sue prime esperienze avvengono nel campo dei fan club, nel corso degli anni ne crea e porta al successo diversi. Col tempo affina le sue capacità in vari settori del campo musicale. Tour manager per Barley Arts, Personal Assistant per Syria, Niccolò Agliardi e, per sette anni, con Gianluca Grignani. Di quest'ultimo scrive anche la biografia Rokstar a metà. Dopo essersi cimentato come produttore con l'ex "Amici di Maria De Filippi, Eleonora Crupi con cui incide quattro singoli portandola a duettare al Mediolanum Forum con Laura Pausini a febbraio del 2014 crea e lancia il sito All Music Italia che, in pochi mesi, diventa una realtà consolidata del panorama dell'informazione musicale sul web, tra i siti leader del settore. Da diversi anni è giudice in diverse manifestazioni musicali tra cui il Coca Cola Summer Festival, in onda su Canale 5.
segui su: