TONY DALLARA torna in studio di registrazione per i suoi 80 anni

Tony Dallara

Tony Dallara ha da poco compiuto 80 anni e si prepara alla pubblicazione di un nuovo album che raccoglierà i suoi più grandi successi uniti ad alcuni inediti.

Antonio Lardera in arte Tony Dallara nasce a Campobasso e decide di trasferirsi sin da giovanissimo a Milano, sua città d’adozione, dove iniziò a lavorare come fattorino in una casa discografica, la Saar Records; grazie alle sua forza canora ed interpretativa convinse un discografico della società a scritturarlo per lanciarlo nel modo della musica italiana. La musica era già però nel suo sangue: il padre Battista fu infatti corista della Scala di Milano.

Il primo successo di Dallara fu Come Prima che fece da apripista alla sua lunghissima carriera. Il suo timbro e la sua grinta hanno caratterizzato ogni sua esibizione e, anche per lui, fu creata la nuova definizione “gli Urlatori”.

Dopo il successo iniziale di Come Prima, Tony Dallara iniziò a partecipare alle principali manifestazioni canore del periodo: Canzonissima, Il CantaGiro, Il Disco per l’Estate, Festival della Canzone Napoletana, senza dimenticare il Festival di Sanremo che lo vide come protagonista nel 1960 quando il coppia con Renato Rascel vinse con il brano Romantica, che divenne un successo mondiale.

Come anticipato Tony Dallara attualmente è tornato in studio di registrazione e per il prossimo ottobre è prevista l’uscita dell’album antologico che raccoglierà i suoi successi che accompagneranno alcuni inediti. L’album sarà prodotto sempre dalla sua storica casa discografica, la Saar Records e oltre ai successi già menzionati sarà possibile ascoltare altri brani totalmente riarrangiati, tra di essi La Novia, Brivido Blu, Ti dirò e Ghiaccio Bollente.

 

  Blogger qui su All Music Italia quasi per caso, ma soprattutto per passione e dedizione. Lascio dar sfogo alla mia tastiera per poter trasmettere quello che sento. Fin da piccolo, grazie ai miei genitori, ho sempre ascoltato molta musica italiana, Sanremo... un appuntamento da anni. Mi piace scrivere di musica per capire le contaminazioni, le connessioni tra i vari artisti, stili ed influenze del momento e non. Considero la New Generation come un foglio bianco su cui scrivere con fermezza musica e parole per il futuro. Buona Musica!
segui su: