THE VAD VUC, la band ticinese presenta “Cocktail e fantasmi” puntando all’ESC

VADVUC

Per la nuova proposta di oggi, All Music Italia è tornata a varcare i confini nazionali, raggiungendo la vicina Svizzera dove il gruppo The Vad Vuc è un nome già molto noto e che ora cerca dio conquistare il pubblico italiano, con il lancio del brano Cocktail e fantasmi, anticipazione del nuovo album previsto per dicembre 2014.

Un brano completamente in italiano, nato dalla fusione di due momenti creativi molto diversi fra loro: un testo firmato da Daniele Cuffaro, che nasce in un’allegra serata di festa fra amici e la musica ha preso forma in una camera d’ospedale, in attesa di un intervento chirurgico, per mano di Cerno che si è avvalso della collaborazione del collega Mago.

Una gestazione che porta la sua doppiezza in una serie di riflessioni che mostrano come intuizioni e giudizi portino spesso la natura umana alla creazione di illusioni, che devono essere confinate in un’ambiente surreale dove non si rischia di farle scontrare con la realtà spesso differente e spietata. Una canzone dal sapore punk-folk, che strizza l’occhio al pop molto più di quanto ci si aspettasse da loro, mettendo a rischio parte del seguito purista ma guadagnando appeal radiofonico con un pezzo fatto di molti aspetti surreali e (volutamente) incompiuti, dove riecheggiano componenti folk appoggiate su suoni più mainstream, che arrivano con ogni probabilità dall’ascolto di gruppi come Baustelle, Subsonica, Cure e Green Day.

Un brano accompagnato da un video molto ben realizzato, una suggestiva cornice fornita da una natura dark, dove sono state costruite le atmosfere surreali ed efficaci scelte per raccontare il brano in immagini.

 

Una canzone che, oltre a presentare il nuovo lavoro del gruppo, li sta accompagnando in un’avventura molto importante come la selezione per poter partecipare all’Eurovision Song Contest 2015 in rappresentanza della Svizzera. Un cammino ancora lungo ma che ha già dato le prime importanti conferme portando The Vad Vuc e la loro Cocktail e fantasmi a fare parte dei tre finalisti scelti dalla televisione della Svizzera Italiana, che andranno ad essere selezionati con i colleghi dei cantoni francesi e tedeschi, per arrivare alla decisione finale prevista per gennaio 2015, quando si saprà il nome del rappresentante ufficiale per la svizzera.

I finalisti della parte “italiana” della Svizzera, oltre a The Vad Vuc, sono Deborah Bough  e Elias ft. Zero in On, selezionati tra oltre 30 candidature da una giuria formata da Iris Moné, finalista di The voice of Switzerland nel 2013 e da due volti noti, attualmente defilati, della musica italiana come Paolo Meneguzzi, rappresentante della Svizzera all’Eurovision Song Contest di Belgrado nel 2008 e Simone Tomassini, partecipante all’”atipico” Festival di Sanremo 2004 targato Simona Ventura, per poi seguire la stessa come concorrente alla seconda edizione di Music Farm.

Cocktail e fantasmi vuole essere l’anteprima dell’omonimo disco live, in uscita a dicembre, contenente 65 minuti di musica tratti dal live registrato il 18 marzo scorso all’Auditorium Stelio Molo della RSI (la TV della svizzera italiana),distribuiti su 15 brani, 3 dei quali proposti per la prima volta: Cocktail e Fantasmi, la cover di Fabrizio De Andrè nel brano Zirichiltaggia e Se non ti posso avere, brano inedito che vedrà la band in duetto con Elisa Botta, promettente voce ticinese. Il progetto è composto anche da un DVD che racconterà le emozioni, i suoni e i colori presenti dietro le quinte dell’ultimo tour di del gruppo che quest’anno li ha portati, prima e unica band ticinese, a calcare il prestigioso palco dell’Heitere di Zofingen, uno dei maggiori festival open air svizzeri.

VADVUC2

The Vad Vuc, sono un gruppo che nasce nel 2000 e subisce diversi cambi in formazione – nel gruppo è transitato anche Sebalter protagonista svizzero all’ultimo Eurovision Song Contest – per arrivare all’attuale organico composto da Cerno (Michele Carobbio, voce, chitarra, mandola, mandolino), Jacky (Giacomo Ferrari ,basso, banjo, cori), Seba (Sebastian Cereghetti, trombone, mandolino, bombardino), Boss (Davide Bosshard, Susafono, tastiere), Miske (Michelangelo Storari, batteria, percussioni), Fid (Fidel Esteves Pinto, flauti, tromba) e Mago (Fabio Martino, fisarmonica, tastiere, cori). Un collettivo che negli anni si è fatto conoscere , arrivando a condividere il palco anche con artisti nostrani, come Frankie HI-NRG, Davide Van de Sfroos e Modena City Ramblers, oltre a varie collaborazioni, tra cui quella con Simone Cristicchi.

Non ci resta che augurare molta fortuna per il futuro di The Vad Vuc, a prescindere dall’esito della selezione per l’Eurovision Song Contest, che comunque porterebbe una vetrina unica alla loro musica che, seppur nasca in terra straniera, suona italiana come non mai.

  Classe 1983, piemontese, su AllMusicItalia per fondere finalmente passione ed esperienze maturate nella musica e nella scrittura, con l’obbiettivo di creare un racconto che possa portare un punto di vista originale su quanto presente nel panorama musicale del nostro paese. Il tutto armato di curiosità, in particolar modo nei confronti dei mille sorprendenti volti offerti dalla musica emergente italiana.
segui su: