SIMONA MOLINARI: tra sold out e prestigiosi appuntamenti internazionali continua per il terzo anno “Loving Ella”

simona molinari

In questi giorni sembrano diventati ormai una consuetudine i comunicati stampa in cui si annunciano rinvii o cancellazioni di concerti e tour. Nel frattempo però ci sono artisti come Simona Molinari che, senza un’eccessiva esposizione mediatica e televisiva, portano avanti lunghissime tournée con in calendario anche prestigiosi appuntamenti internazionali riuscendo a mettere a segno diversi sold out.

Simona Molinari è una che segue il suo percorso musicale in punta di piedi, va dritta per la sua strada senza sgomitare o urlare e, nel corso degli anni ha costruito un curriculum invidiabile, forse l’unica artista italiana ad aver calcato i palchi di tutte le più importanti rassegne musicali del nostro paese (e non solo), giusto per fare un elenco di alcune delle più importanti: Premio Tenco, Umbria Jazz Festival, Musicultura, Premio Lunezia, Wind Music Awards, Coca Cola Summer Festival oltre ai grandi festival mondiali a Mosca, Tokio, New York, Toronto.

Attualmente la Molinari sta portando in scena con lo spettacolo musicale Loving Ella, concerto in cui il repertorio di Ella Fitzgerald rivive attraverso la voce della cantante nei teatri e nei jazz club più prestigiosi. Un concerto intimo ed elegante che ha anche la forma di un viaggio narrativo tra musica e aneddoti biografici sulla controversa vita privata della Fitzgerald.

Loving Ella è un progetto che nasce con dieci date nel 2014 e che prosegue con successo per tutto il 2015. Nel 2016 con la pubblicazione dell’album di cover Casa mia, lo spettacolo viene momentaneamente sospeso per far posto al tour legato a questo nuovo progetto discografico di Simona Molinari.

Nel 2017, in attesa dell’uscita del nuovo disco dell’artista previsto per il 2018, Loving Ella torna in scena con una lunga serie di date che colgono l’occasione per festeggiare il centenario di Ella Fitzgerlad che ricadrà il prossimo 25 aprile. Tra gli appuntamenti già confermati in cartellone c’è una doppia data il 28 e il 29 aprile al Blue Note di Milano che vedrà unirsi allo spettacolo anche Mauro Ottolini, trombonista jazz italiano tra i più importanti al mondo che, proprio a partire da queste data, diventerà una presenza fissa nello spettacolo della Molinari. Tra l’altro le due date della Molinari al Blue Note saranno delle doppie, due spettacoli al giorno per un totale di 4 concerti (indicativamente alle 21 e alle 23 circa).

Tra gli appuntamenti più prestigiosi già confermati ci sono anche L’Umbria Jazz Festival nel prossimo mese di luglio (dove sarà l’unica artista italiana in cartellone) e il ritorno al Blue Note di New York nel mese di dicembre.

Qui di seguito le prossime date confermate:

23 marzo Teatro Verdi – Sassari
24 marzo Conservatorio – Cagliari SOLD OUT
29 marzo Teatro delle celebrazioni – Bologna
28 aprile Blue Note – Milano
29 aprile Blue Note – Milano

simona molinari

La carriera di Simona Molinari inizia nel 2007 dopo aver studiato per anni Canto (specializzandosi nel jazz), canto moderno, improvvisazione e vocalità nero-americana.
Dal 2009 ha pubblicato cinque dischi (Egocentrica, Croce e delizia, Tua, Dr. Jekyll e Mr. Hyde e Casa mia e ha duettato con artisti del calibro di Al Jarreu, Gilberto Gil, Peter Cincotti, Andrea Bocelli, Ornella Vanoni, Lelio Luttazzi, Renzo Arbore, Massimo Ranieri, Fabrizio Bosso, Stefano Di Battista, Roy Paci e molti altri…

Ha partecipato inoltre per due volte al Festival di Sanremo: nel 2009 tra i giovani con il brano Egocentrica, quindi nel 2013 tra i big cantando il singolo disco d’oro La Felicità con Peter Cincotti.
Tra le altre esperienze il musical (JesusChrist Superstar), la televisione (nello show Sogno o son desto di Massimo Ranieri).

 

  Prince Greedy è uno degli esponenti più credibili del nuovo gonzo journalism all’italiana. Insieme al compagno di merende Episch Porzioni ha pubblicato i libri “Lady GaGa Shut Up and Dance”, “Whitney Houston La Voce Spezzata”, “Lucio Dalla Il Numero Primo”e il bestseller Amy Winehouse Fino Alla Morte, giunto ormai alla terza edizione. Scrittore prezzolato di professione, nel tempo libero si diletta a comporre pezzi folk su una chitarra senza corde. Ovviamente Prince Greedy non è il suo vero nome e, altrettanto ovviamente, se avesse voluto farvi sapere come si chiama ve l’avrebbe detto.