SARA VITA torna ad un anno da “The Voice” con il brano pop-dance “Una Stronza come me”

sara vita

E´passato oltre un anno dalla partecipazione di Sara Vita a The Voice of Italy 2015 ed ora, dopo il singolo d’esordio Brave ragazze scritto da Steve Luchi con lo zampino di J-Ax, la cantante torna con un nuovo brano che è entrato in rotazione radiofonica ed è disponibile in digital download a partire dallo scorso 29 giugno.

La nuova canzone si chiama Una Stronza come me ed il videoclip ufficiale sarà lanciato entro la metà di agosto su YouTube.

In questo brano Sara Vita dà una sterzata radicale al suo genere musicale e si cimenta con un brano Pop-Dance…

Ho capito che questa canzone sarebbe diventata la mia seconda pelle. Il mio percorso a The Voice è stato caratterizzato dall’esecuzione di classici della musica italiana e questa volta volevo sperimentare un genere che da me non ti aspetti, ma nel quale mi trovo alla grande e mi diverte. “Una Stronza come me” è un genere nuovo per le mie corde. Mi è piaciuta sin da subito l’idea di coniugare la Pop/Dance al mio timbro sporco e sabbiato su un testo che parla di sentimenti veri“.

Così la Felline (questo il cognome della ragazza) ha commentato la nuova direzione artistica che ha intrapreso.

Il brano è scritto e arrangiato da Marco Canigiula con la collaborazione di Francesco Sponta, Marco Di Martino (chitarre), Simone D’Andrea (basso) e Simone Tentella (drum machine).
Qui di seguito trovate il testo del brano in attesa di un’intervista a Sara Vita che pubblicheremo settimana prossima.

sara vita

SARA VITA – UNA STRONZA COME ME – TESTO

Eri solo un piccolo granello di sabbia dentro agli occhi
eri come il lunedì dopo un fine settimana di riposo
ed oggi mi domando com’è possibile che tu sia riuscito a guardare oltre
plagiare le mie difese, a confondere una stronza come me
come me

Ora che siamo solo un respiro
siamo l’ultima cosa al mondo di cui posso fare a meno
io vedo orizzonti verticali
solo orizzonti verticali
vedo orizzonti verticali
solo orizzonti verticali

Ora siamo quel suono che vibra sulle stesse frequenze
due prismi che riflettono la stessa la luce
forse la prova del nove è la prova schiacciante
E adesso, adesso l’amore per me non è difficile da masticare
l’amore non è lunedì
e non è così pesante condividerlo nei giorni liberi
di una stronza come me
come me

Ora che siamo solo un respiro
siamo l’ultima cosa al mondo di cui posso fare a meno
io vedo orizzonti verticali
solo orizzonti verticali
vedo orizzonti verticali
solo orizzonti verticali

sento l’estate tra le mani ora che siamo più vicini
stringo la sabbia tra le mani ora che siamo più vicini

  
segui su: