SANREMO 2017: gli ascolti della quarta serata sono in linea con quelli del 2016

sanremo 2017

La quarta serata di Sanremo 2017 non delude le aspettative, Carlo Conti e Maria De Filippi hanno accompagnato gli spettatori alla finale dei Giovani e la semifinale dei Big.

La serata ha ottenuto uno share del 47,1%, quasi come lo scorso anno, con 9.900.000 spettatori di media.

Nel 2016, infatti, la stessa serata aveva ottenuto il 47,81% ed un ascolto medio di 10.164.000 spettatori.

Gli ascolti sono, quindi, leggermente in calo rispetto la terza serata che ha registrato il 49,7% di share.

La finale dei Giovani ha visto trionfare Lele con il brano Ora mai davanti a Maldestro, Francesco Guasti e Leonardo Lamacchia.

La semifinale dei Big ha, invece, ha decretato i 16 finalisti. Giusy Ferreri, Ron, Al Bano e Gigi D’Alessio devono abbandonare la gara.

Tra gli ospiti della serata Virginia Raffaele che ritornava sul palco dell’Ariston dopo il successo dello scorso anno, stavolta nei panni di Sandra Milo, riuscendo a conquistare nuovamente il pubblico.

Marica Pellegrinelli, Antonella Clerici, Robin Schulz, la Compagnia Kitonb e Luca Zingaretti si sono susseguiti sul palco.

Da non dimenticare l’omaggio a Giorgio Moroder (presidente della Giuria) con alcuni dei suoi successi.

Uno dei momenti più toccanti della serata è stata quando è salito sul palco dell’Ariston Gaetano Moscato, sopravvissuto all’attentato di Nizza dello scorso 14 luglio, sul palco con uno dei due nipoti che è riuscito a salvare nella tragica notte.

 

  Blogger qui su All Music Italia quasi per caso, ma soprattutto per passione e dedizione. Lascio dar sfogo alla mia tastiera per poter trasmettere quello che sento. Fin da piccolo, grazie ai miei genitori, ho sempre ascoltato molta musica italiana, Sanremo... un appuntamento da anni. Mi piace scrivere di musica per capire le contaminazioni, le connessioni tra i vari artisti, stili ed influenze del momento e non. Considero la New Generation come un foglio bianco su cui scrivere con fermezza musica e parole per il futuro. Buona Musica!
segui su: