SANREMO 2016: “Eternamente ora” è il nuovo album di FRANCESCO GABBANI, contenente “Amen”

GABBANI_UFFICIALE

Dopo aver tentato per diversi anni di salire su quel palco, tra un paio di settimane il cantautore toscano Francesco Gabbani calcherà finalmente l’Ariston per prendere parte alla prestigiosa gara del Festival di Sanremo 2016 tra le Nuove Proposte (QUI i nomi degli altri sette cantanti che compongono questa categoria).

L’artista, originario di Carrara classe 1982, ha conquistato tutti sin dalle prime selezioni, fino alla serata evento #SG Sanremo Giovani trasmessa il 27 novembre scorso in diretta nazionale su Rai 1, attraverso la quale ha agguantato uno degli otto posti a disposizione con il brano Amen, apripista al nuovo progetto discografico svelato solo una manciata di ore fa.

L’album si intitolerà Eternamente ora (per l’etichetta BMG Rights Management) e sarà disponibile nei digital store e fisicamente in tutti i negozi di dischi dal prossimo 12 febbraio, in concomitanza con lo svolgimento del festival, così come del resto accadrà per molte altre pubblicazioni musicali legate alla kermesse. La copertina è stata svelata sulla pagina ufficiale Facebook di Francesco: eccola qui, seguita dalla tracklist ufficiale.

francesco_gabbani_eternamente_ora

01. La strada
02. Amen03. Per una vita
04. Software
05. Eternamente ora
06. In equilibrio
07. Prevedibili
08. Il vento s’alzerà

Dunque, otto tracce inedite per una delle otto Nuove Proposte senza dubbio con maggiore esperienza alle spalle, dal momento che Eternamente ora sarà di fatto il quarto lavoro in studio per Gabbani (considerati il primo album ufficiale Greitist iz del 2013 ed ancora altri due album registrati e prodotti con il progetto Trikobalto).

In una delle sue ultime interviste, il cantautore si è aperto sul messaggio del suo pezzo, Amen:

Amen è una canzone molto distante dai cliché sanremesi. Come mai hai deciso di proporla per il Festival?

In realtà questa canzone, scritta con il mio compagno aurorale Fabio Ilaqua è nata circa un anno e mezzo fa senza pensare a Sanremo. L’abbiamo scelta perché mi sembrava la formula giusta per presentarmi al grande pubblico in forma d’artista oltre che da autore. Amen al primo impatto ha un sound ballerino che strizza l’occhio alla dance music portando però un significato molto profondo che mi auguro susciti anche una riflessione.

Nel testo di Amen canti: “Gesù si è fatto agnostico e i killer si convertono”. Com’è nata questa suggestione?

Ci sono tante fotografie di situazioni paradossali… Nel sistema in cui viviamo c’è una frenesia di contenuti talmente alta che spesso si assiste ad un ribaltamento dei valori. Il paradosso di “Gesù si è fatto agnostico e i killer si convertono” vuole essere l’emblema di questo aspetto. Il ritornello invece sembra volersi liberare di tutti i problemi andando avanti pronunciando un “amen”. Questo aspettare un miracolo che salvi tutto è un approccio molto italiano e cristiano e la canzone vuole attraverso il sarcasmo incitare a fare l’esatto contrario. Bisognerebbe capire che per cambiare le carte in tavola è necessario cambiare a livello  personale: credo che quando le cose non cambiano per loro natura probabilmente sei tu che devi cambiare nei confronti delle cose.” (Fonte: www.domanipress.it)

E questo è il videoclip ufficiale della canzone. Restate connessi!

  Salentino, studio Lettere (curriculum classico) all’Università e la Lingua dei Segni italiana presso l’ENS di Lecce. Già blogger occasionale per “un Filo-Blues” (all’interno di 20centesimi.it) e membro dell’Osservatorio Musicale Salentino, nato a seguito di un corso di critica musicale dell’Università del Salento. La mia vocazione è il canto, in più suono il pianoforte e mi piacciono molto la black music, il cantautorato – amore profondo per quello un po’ stagionato! – e gli strumenti dalle sonorità naturali, come l’armonium.
segui su: