SALMO – “Hellvisback” instore Palermo – REPORT e FOTO ESCLUSIVE

SALMO.AMI.01

E’ senza ombra di dubbio una delle figure più eclettiche e innovative del panorama artistico degli ultimi anni e, indiscutibilmente contro ogni tentativo di presuntuosa critica, con difficoltà l’Italia ricorda artisti capaci di fondere con impeccabile dose di parità il rap, il cinema e la scrittura.
Salmo, classe 1984, generazione florida che ha attraversato l’osare e il pensare, l’agire e il demolire, fino alla consapevolezza di un sacco di limiti e di un infinite possibilità.

1984… come il titolo del singolo che anticipa un album, Hellvisisback, pubblicato il 5 febbraio, e già bestseller direttamente al numero 1 delle classifiche capace di resistere in cima anche nella seconda settimana nonostante l’assalto di tutti i dischi di Sanremo.

Successo meritatissimo per questo genio della commistione delle differenze, abilmente abbinate e radunate in quella ritmica fusione di rap, punk, hardcore, metal e rock (e forse anche altro), che il geniaccio venuto dalla Sardegna ci offre in 13 nuove tracce da lui prodotte e che si avvalgono di presenze importanti: Low Kidd, Big Joe, Shablo e Stabber. Anello al dito da sfoggiare, un virtuoso featuring con uno dei componenti dei Blink 182, Travis Barker, nei brani Bentley vs. Cadillac e Il Messia (dove troviamo anche il poliedrico Victor Kwality).

I numeri di Salmo non sono mai stati roba da tabelline, le vendite e la corsa all’acquisto dei suoi dischi non si è arrestata nemmeno con l’arrivo del terremoto Sanremo come dicevamo.
All’Instore di Palermo, per dirne una, dove coraggiosamente noi di All Music Italia “Dovevamo & Volevamo” esserci, c’era di tutto: teenagers, amici, coppie scoppiate e coppie accoppiate, artisti di strada e pensatori in erba, tutti composti e ordinati con CD in mano e braccia al cielo a ritmo sincopato.
Il tutto in un numero tutt’altro che sobrio, oltre 700!

700 persone in coda per battere un cinque al “mille-talenti-Salmo“, accompagnato da due amici speciali: Victor Kwality e Big Joe, quest’ultimo una presenza ancora più speciale dato che il beatmaker è palermitano gioca in casa…
L’evento si è svolto nel più classico dei rituali che “Santo Instore” richiede: coda, saluto (yo!) e foto di rito; evento egregiamente gestito dal Megastore Mondadori di Palermo che, stavolta non lo dimentico, ringrazio vivamente perché ogni volta permette a noi di All Music Italia di esserci. Thanks!!!!

Ora che la promozione Instore di Hellvisback si conclude (a Catania si è tenuta l’ultima tappa), per il mago dell’hip hop 2.0 si avvia, per citare 1984, l’anno dei miracoli “…È una gara senza freni, non ci sono premi. Dove cazzo vai se non sai da dove vieni?“.

SALMO.AMI.02

SALMO.AMI.03

SALMO.AMI.04

SALMO.AMI.05

SALMO.AMI.06

SALMO.AMI.07

SALMO.AMI.08

SALMO.AMI.09

SALMO.AMI.10

SALMO.AMI.11

SALMO.AMI.12

SALMO.AMI.13

SALMO.AMI.14

SALMO.AMI.15

SALMO.AMI.16

SALMO.AMI.17

SALMO.AMI.18
Articolo e foto di Giuseppe Mazzola per All Music Italia

 

  
segui su: