PREMIO BIANCA D’APONTE 2016: ecco le finaliste. Madrina dell’edizione IRENE GRANDI

Premio Bianca D'Aponte 2016

Torna anche quest’anno uno dei premi più belli del panorama musicale italiano, il Premio Bianca D’Aponte concorso tutto al femminile giunto quest’anno alla sua dodicesima edizione che avrà in Irene Grandi una madrina d’eccezione.

Il concorso Sono un’isola con il Premio Bianca d’Aponte è stato istituito per dare alle giovani cantautrici che compongono in italiano o in un dialetto italiano un’opportunità per emergere nel mondo della musica creando al tempo stesso un momento di incontro e di confronto.
Direttore artistico del concorso è Fausto Mesolella, chitarrista della Piccola Orchestra Avion Travel, musicista fuori dagli schemi, amico di Bianca, ispiratore e animatore del premio fin dalla sua origine.
Il Premio nasce per portare avanti la musica e la figura di Bianca D’Aponte giovane promessa della musica italiana, cantautrice di talento dalla bellezza folgorante e dalla presenza scenica magnetica che si è spenta prematuramente all’età di 23 anni, il 15 agosto 2003.

La dodicesima edizione del Festival si svolgerà il 28 e 29 ottobre ad Aversa presso il Teatro Cimarosa.
Madrina di quest’anno sarà Irene Grandi che presiederà la giuria e si esibirà cantando una canzone di Bianca D’Aponte. Altro ospite molto atteso sarà Fausto Cigliano che sarà accompagnato alla chitarra da Gianluca Marino. E poi ancora saranno presenti Vittorio De Scalzi storico leader dei New Trolls che si esibirà in un inedito set con Mesolella, Peppe Voltarelli, Bungaro, Giuseppe Anastasi, Brunella Selo, Fausta Vetere, Mariella Nava ed altri ospiti a sorpresa.

Il concorso è l’unico in Italia riservato esclusivamente alle cantautrici. Ecco le concorrenti e i rispettivi brani in gara di quest’edizione:

Ilaria D’Amore – Infiniti miracoli (Roma)
Giovanna Dazzi – Orione (Parma)
Marta Delfino – Abramovic (Savona)
Gabriella Martinelli La Pancia è un cervello col buco (Taranto)
Chiara Minaldi – Un’Anima (Palermo)
Nicoletta Noé – Ad Abelardo, Eloisa – Lodi
Veronica Punzo – Il Tempo che ho perduto (Macerata)
Sighanda – L’aciddruzzù – Aragona
Agnese Valle – Cambia il vento (Roma)
Clarissa Vichi – Un Fiore (Pesaro)

A loro sono riservati il Premio Bianca d’Aponte “assoluto” e la Targa della Critica, oltre a tre menzioni: miglior testo, migliore musica, migliore interpretazione. Sono previsti anche due riconoscimenti esterni: quello dell’Officina della Musica e delle Parole, ideata da Alberto Salerno, che consiste nella partecipazione gratuita a un corso della scuola; e quello dell’etichetta Suoni dall’Italia di Mariella Nava, con la proposta di un contratto discografico.
Le serate saranno presentate da Antonio Silva e Steven Forti, mentre le concorrenti saranno accompagnate dal Gruppo Musica Aversano diretto da Alessandro Crescenzo.
Dall’anno scorso è stato istituito, in collaborazione con Cose di Amilcare (emanazione spagnola del Club Tenco) anche il Premio Bianca d’Aponte International”, che in questa edizione andrà alla russa Elena Frolova con questa motivazione: “In nessun posto la poesia è così diffusa nella cultura popolare come in Russia. Elena Frolova ama musicare le liriche dei maggiori lirici del paese e un posto privilegiato è stato da lei dato a Marina Tsvetaeva e ad Anna Achmatova, le due voci femminili poetiche più alte nella Russia del Novecento.”
Novità di quest’anno è invece il Premio Musica della Poesia, che sarà assegnato a Patrizia Cirulli.

Qui di seguito l’albo d’oro della manifestazione per quel che riguarda il premio principale:

2005
Veronica Marchi con “Occhi di sole” e Germana Grano con “Cosa voglio” (ex-aequo)
2006
Chiara Morucci con “Ed io sono una rosa”
2007
Laura Montanari (Mama’s gan) con A casa
2008
Erica Boschiero con Anita
2009
Momo con L’amore sale piano
2010
Laura Campisi con Cuorefisarmonica
2011
Claudia Angelucci con L’attimo dell’abbandono
2012
Marta Charlotte Ferradini con Martarossa
2013
Federica Abbate con Dammi ancora
2014
Elisa Rossi con Pensi sia possibile
2015
Irene Ghiotto con La Filastrocca della sera

 

  
segui su: