PIERO FABRIZI: “Piero Fabrizi and friends – Primula” è il disco di debutto

piero-fabrizi-and-friends-primula

E’ appena uscito PIERO FABRIZI and friends – PRIMULA, il disco di debutto del produttore e musicista romano Piero Fabrizi, per l’etichetta Route 61 Music in associazione con Brave Art Records, acquistabile nei negozi tradizionali, su Amazon, su iTunes e nello store dell’etichetta. (QUI il link diretto)

L’antologia di brani presenti conferma il grande lavoro svolto dall’artista per la musica italiana in questi anni e vanta grandi collaborazioni con nomi internazionali, quali Chico César, Tony Levin, Jaques Morelenbaum, Moreno Veloso, David Binney e dulcis in fundo, gli italianissimi Mauro Pagani Maurizio Giammarco.

Le registrazioni si sono svolte tra Rio De Janeiro, Roma, Milano e New York, e appare quasi improprio parlare di album d’esordio, perché in vero, il signor Fabrizi ha lavorato e prodotto ad oggi più di cento dischi, per artisti importanti come l’inconfondibile Fiorella Mannoia, per la quale ha prodotto nell’arco di 23 anni, precisamente 14 album e due DVD, curando, inoltre, la direzione musicale di tutti i suoi concerti  fino al 2008. (A proposito, avete già visto la copertina di Fiorella, il nuovo doppio cd della cantautrice? Ne abbiamo parlato QUI)

Ed ecco la tracklist completa di PRIMULA: di seguito ai titoli dei dodici brani, potete leggere le rispettive collaborazioni illustri di cui parlavamo poc’anzi.

1- LA MIRADA DEL CHE (percussioni dei brasiliani Moreno Veloso e Marcos Suzano si intrecciano con il violoncello di Jaques Morelenbaum e la chitarra di Fabrizi. “Solo” finale di violino di Mauro Pagani);
2- CLANDESTINO (con Chico César; percussioni di Veloso e Suzano);
3- PRIMULA (percussioni di Veloso e Suzano);
4-MIDNIGHT TRAIN;
5-BUZET ME ISHIN THARE (basso elettrico di Tony Levin);
6-RUMBALKAN (Carlos Malta ai fiati, percussioni di Veloso e Suzano);
7- QAN LULJA PER LULEN (canzone della tradizione popolare albanese cantata da Elsa Lila, Tony Levin al basso);
8-UNCLE FRANK (arrangiamento fiati di Maurizio Giammarco, Costa al basso elettrico e Rivagli alla batteria, assolo di violoncello di Jaques Morelenbaum);
9-HEADLY GRANGE (tributo ai Led Zeppelin);
10-KASHMIR (batteria di Joào Viana, basso elettrico di Mauricio Oliveira, alle tastiere Renato Fonseca, al violoncello Jaques Morelenbaum e la voce è di Joanna St. Claire);
11-JFF (Rosario Jermano alle congas e David Binney al sax contralto);
12-NOW THAT YOU’RE GONE (voce di Lily Latuheru, Levin al basso elettrico, archi scritti e diretti da Maurizio Abeni).

All’ascolto dell’album, sono moltissime le sfaccettature che si possono cogliere: questa silloge si muove su terreni eterogenei, fra l’atmosfera brasiliana e l’espressività del mondo balcanico, fra rock classico e progressive, con precise scelte artistiche che la rendono musicalmente compiuta e sofisticata.

Infine, vale la pena ricordare che per volere dello stesso Piero Fabrizi, Primula sosterrà con i suoi incassi le attività di “Il sorriso dei miei bimbi” (QUI il link diretto al sito ufficiale), la Onlus fondata da Barbara Olivi che promuove da oltre 12 anni progetti di educazione infantile e formazione giovanile nel cuore della Rocinha, la più grande favela del Sudamerica. Pertanto ogni traccia del disco concederà qualcosa di concreto a questi “meninos de rua”, bambini di strada a cui regalare un sorriso.

All Music Italia vi fa ascoltare il secondo brano del disco, nonché singolo estratto, dal titolo Clandestino!

  Salentino, studio Lettere (curriculum classico) all’Università e la Lingua dei Segni italiana presso l’ENS di Lecce. Già blogger occasionale per “un Filo-Blues” (all’interno di 20centesimi.it) e membro dell’Osservatorio Musicale Salentino, nato a seguito di un corso di critica musicale dell’Università del Salento. La mia vocazione è il canto, in più suono il pianoforte e mi piacciono molto la black music, il cantautorato – amore profondo per quello un po’ stagionato! – e gli strumenti dalle sonorità naturali, come l’armonium.
segui su: