PATTY PRAVO pubblica la sua autobiografia “La cambio io la vita che…”

patty pravo

Da ieri, 7 novembre, è disponibile la prima autobiografia di Patty Pravo intitolata La cambio io la vita che… Tutta la mia storia (Edizioni Einaudi).

Il libro è un viaggio che accompagna il lettore alla scoperta della donna e dell’artista, tra le più iconiche del panorama musicale italiano; un autoritratto intimo e sincero che svela il rapporto tra Nicoletta e Patty.

Il libro parte dall’infanzia trascorsa a Venezia da una giovane ragazza, Nicoletta Strambelli, (per chi non lo sapesse, vero nome dell’artista) che va via dalla sua città alla ricerca di Patty, la donna artista che diventerà una stella della musica leggera italiana.

Gli amori e la musica sono gli elementi principali, le costanti, che raccontano i risvolti di una storia ed una carriera senza eguali.

Patty Pravo, una delle artiste più apprezzate ed amate in Italia ed all’estero, grazie al suo talento ha saputo conquistare poeti come Ezra Pound, artisti come Lucio Fontana e musicisti come Mick Jagger e Jimi Hendrix.

Dai primi passi nei favolosi anni ’60 fino a giorni nostri, l’artista e soprattutto la donna Patty Pravo ha collezionato successi e collaborazioni di rilievo, riconoscimenti ed affetto da parte del pubblico.

Dopo anni di carriera l’artista ha deciso di raccontarsi attraverso questa sua prima autobiografia che prende il nome da alcuni versi dalla hit E dimmi che non vuoi morire firmata da Vasco Rossi e Gaetano Curreri.

La cambio io la vita che… sarà presentato il 13 novembre, con l’amico Pino Strabioli, al nuovo Teatro della Capitale OFF/OFF Theatre di via Giulia 20 a Roma. L’ingresso sarà libero fino ad esaurimento posti e seguirà il firmacopie.

 

  Blogger qui su All Music Italia quasi per caso, ma soprattutto per passione e dedizione. Lascio dar sfogo alla mia tastiera per poter trasmettere quello che sento. Fin da piccolo, grazie ai miei genitori, ho sempre ascoltato molta musica italiana, Sanremo... un appuntamento da anni. Mi piace scrivere di musica per capire le contaminazioni, le connessioni tra i vari artisti, stili ed influenze del momento e non. Considero la New Generation come un foglio bianco su cui scrivere con fermezza musica e parole per il futuro. Buona Musica!
segui su: