NOEMI affronta il tema degli attacchi di panico nel nuovo singolo “Porcellana”

Noemi

Noemi torna in radio con un nuovo singolo in rotazione da venerdì 13 aprile. Il brano scelto è Porcellana, estratto dall’album La Luna che la cantante ha pubblicato in occasione della partecipazione al Festival di Sanremo. A precederlo sono stati altri tre brani, Autunno, I Miei rimedi e la Sanremese Non smettere mai di cercarmi. Nel frattempo Noemi si sta già preparando per i due eventi live che terrà a maggio.

Porcellana è una canzone che affronta un tema molto delicato. Il testo (che potete leggere alla fine dell’articolo) racconta con garbo le sensazioni e le paure di chi soffre di attacchi di panico.
A proposito del brano, la stessa Noemi ha sottolineato che “ci potrebbero essere mille e un modo per raccontare gli attacchi di panico in musica ed io mi sento ferrata sull’argomento“.
Ha poi spiegato: “Il titolo rimanda all’immagine della testa fragile come la Porcellana che esprime benissimo come ci si possa sentire in quei momenti dove le emozioni prendono il sopravvento, facendoti sentire nuda e fragile“.

La canzone, scritta da Emiliano Cecere e Diego Calvetti, uscirà anche in una speciale versione Shablo remix. Questa versione sarà disponibile in digital download sempre dal 13 aprile (qui sotto potete vedere la copertina).

Noemi

Scegliendo Porcellana come nuovo singolo, Noemi mostra un altro aspetto del suo ultimo lavoro discografico. A settembre 2017, la cantante ha lanciato il brano Autunno. Poi, a dicembre, è stata la volta de I miei rimedi. A febbraio, Noemi ha presentato sul palco del Teatro Ariston di Sanremo la canzone Non smettere mai di cercarmi. Tutti questi singoli hanno rivelato ogni volta qualcosa in più dell’anima de La Luna, un disco variegato e coraggioso nel quale la cantante sperimenta nuove sonorità, affronta generi diversi e rivela al pubblico anche lati inaspettati di sé. Come è il caso di dire a proposito di Porcellana.

I brani de La luna saranno al centro dei due concerti in programma a fine maggio. Noemi si esibirà il 29 maggio al Teatro degli Arcimboldi di Milano; e il 30 maggio all’Auditorium Parco della musica a Roma. Si tratta di due anteprime live del tour, che farà poi seguito.
Durante i live di maggio, la cantante presenterà le canzoni de La luna, oltre ai suoi più grandi successi. A questo proposito, Noemi – tramite la sua pagina Facebook – ha fatto sapere che è già al lavoro sulla scaletta e sugli arrangiamenti dei brani. E ha dichiarato di essere curiosa di sapere quali canzoni non potranno assolutamente mancare secondo i suoi fans, invitandoli a farglielo sapere.

I biglietti per le date di maggio, prodotte e organizzate da F&P Group, sono disponibili in prevendita su TicketOne e nei punti vendita abituali.

ACQUISTA ORA IL TUO BIGLIETTO

30516248_10155709171758655_2276711216707534848_n

Ecco il testo di Porcellana:

Scende la notte
Quando mi guardo nello specchio e sono stanco
E il sangue mi ribolle addosso quando piango
O scorro foto solo per passare il tempo e sono stanco

Scende la notte
Quando vorrei andare in guerra e so che perdo
Perché mi tremano le gambe sopra il mondo
Mi vesto bene ad ogni modo e mi difendo ma sono stanco

Ma il cuore mio lo so
È solo una puttana
E la mia testa fragile come la porcellana
Che non scende mai per strada
E vive dei suoi sogni
Che sono buchi neri e ci sprofondi

Ma il cuore mio lo so
È come un aquilone
Che vola sopra il cielo e si abbandona ad un tifone
Che puoi solo fermare
Con la forza di un padre
Ma rimani bambino
E continui a tremare

Scende la notte
Quando regalo a sconosciuti il mio passato
E metto il naso rosso e faccio lo spassoso
Di colpo cado nell’ovatta accartocciato e resto muto

Ma il cuore mio lo so
È solo una puttana
E la mia testa fragile come la porcellana
Che non scende mai per strada
E vive dei suoi sogni
Che sono buchi neri e ci sprofondi

Ma il cuore mio lo so
È dentro un ascensore
Bloccato in mezzo a un piano soltanto per timore
Che puoi solo sbloccare
Lasciandoti andare
E immaginando
La notte dormire, shh

Ma il cuore mio lo so
È solo un aquilone
Che vola sopra il cielo e si abbandona ad un tifone
Che puoi solo fermare
Con la forza di un padre
Ma rimani bambino
E continui a tremare
E continui a tremare