NEK è Star Therapist per i 20anni di ANSABBIO, con i bimbi dell’Ospedale Rizzoli di Bologna

NEK_Ansabbio_Onlus_20_anni_Solidarietà_Rizzoli_Bologna

Festa grande all’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna, dove martedì 9 giugno il cantante Nek ha fatto “irruzione” per salutare e passare un po’ di tempo con i bambini lì ricoverati.

La gradita sorpresa è stata organizzata e resa possibile attraverso l’associazione Ansabbio, che ha potuto così festeggiare i suoi primi vent’anni dalla fondazione e della quale Mr. Filippo Neviani è già ambasciatore da tempo. Il progetto che ha coinvolto l’artista di Sassuolo – così come altri suoi colleghi in passato, tra i quali possiamo citare ad esempio J-Ax, Emma, Gianni Morandi, Tiziano FerroAlessandra Amoroso – si intitola Star Therapy ed è stato ideato dal Dottor Sorriso, al secolo Dario Cirrone. In cosa consiste? È semplice: questa originale terapia, nata nel 1992, ha lo scopo di rivitalizzare la vita culturale e sociale all’interno degli ospedali, e viene esplicata attraverso la visita presso un qualsiasi centro ospedaliero pediatrico, di un artista dello spettacolo, di un personaggio del mondo sportivo, o più semplicemente di una persona travestita da personaggi del mondo fiabesco o dei cartoni animati.

Nek, campione di note sul palco e di solidarietà nel quotidiano, come sempre non si è risparmiato, prestandosi a fare qualche foto ricordo e incontrando con entusiasmo i piccoli pazienti increduli in compagnia dei loro genitori, i quali hanno accolto con gran gioia il suo arrivo in corsia; pare che una mamma gli abbia anche detto: “Sono cresciuta con le tue canzoni” e che lui le abbia risposto, divertito: “Sono già così vecchio?”. (Fonte: Ansa)

L’artista, che ha da poco lanciato nelle radio la sua Se telefonando (secondo singolo dall’album Prima di Parlare e diretto successore della sanremese Fatti avanti amore), come dicevamo non è nuovo a questi atti di grande umanità: lo scorso autunno si era fatto promotore con Dolcenera della maratona benefica Corri la Vita, organizzata dalla LILT di Firenze; mentre l’anno scorso il cantante aveva devoluto l’intera somma di denaro ricevuta col premio Tributo ad Augusto, ideato da Fausto Pirito, a beneficio della Onlus Voa Voa! – Amici di Sofia, associazione impegnata nella lotta alle malattie pediatriche.

Inoltre, dopo essere stato un cristiano tiepido (da una sua definizione usata in una vecchia intervista), dal 2006 Nek è entrato a far parte della comunità spirituale Nuovi Orizzonti e a tutt’oggi è molto attivo nel dare manforte ai suoi progetti: a tal proposito, la fondatrice del movimento, Chiara Amirante, ha svelato al settimanale DiPiù che il brano Fatti avanti amore reca nel ritornello uno dei punti centrali del “credo” di Nuovi Orizzonti, con riferimento alla frase: “Siamo fatti per amare, nonostante noi”.

La riascoltiamo insieme, che ne dite?

NEK – FATTI AVANTI AMORE – VIDEO UFFICIALE

 

 

 

 

  Salentino, studio Lettere (curriculum classico) all’Università e la Lingua dei Segni italiana presso l’ENS di Lecce. Già blogger occasionale per “un Filo-Blues” (all’interno di 20centesimi.it) e membro dell’Osservatorio Musicale Salentino, nato a seguito di un corso di critica musicale dell’Università del Salento. La mia vocazione è il canto, in più suono il pianoforte e mi piacciono molto la black music, il cantautorato – amore profondo per quello un po’ stagionato! – e gli strumenti dalle sonorità naturali, come l’armonium.
segui su: