Ecco tutto il programma di NATURALMENTE PIANOFORTE al via stasera. Attesissimi i live di MORGAN e ALICE

morgan

Partirà stasera a Pratovecchio Stia in provincia di Arezzo la manifestazione Naturalmente Pianoforte, quattro giorni di concerti, workshop e improvvisazioni con coinvolti artisti del calibro di Morgan, Alice, Rachele Bastreghi, Giulia Mazzoni e molti altri ancora.

Andiamo a scoprire meglio il programma di questa manifestazione unica nel suo genere.

 

Durante Naturalmente Pianoforte, sarà ovviamente il pianoforte il punto di osservazione da cui raccontare la musica e sviluppare un progetto di socialità e comunicazione per quattro giorni.
Il comune di Pratovecchio Stia, il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna – inteso come cuore del Casentino e centro di bellezze naturali, storiche, enogastronomiche – confermeranno la loro attitudine di luogo dedito all’ospitalità e all’incontro, crocevia di artisti, appassionati e semplici curiosi del turismo culturale.

La riuscita di un festival dipende da molti fattori – ha dichiarato il direttore artistico Enzo Gentile – e tra questi c’è anche la possibilità di coinvolgere gli artisti in performance e programmi che escano dalla routine delle loro tournée. Di questo, a “Naturalmente Pianoforte”, siamo particolarmente orgogliosi, per la disponibilità manifestata da tutti loro a suonare ed esibirsi in un’ottica originale e di particolare stimolo anche per il pubblico…

Questa sera il Festival verrà inaugurato con il concerto di Gaetano Liguori al Castello di Porciano seguito in serata dai concerti gratuiti di Rachele Bastreghi dei Baustelle e di Laura Fedele.

Il 22 luglio si preannuncia sicuramente un appuntamento attesissimo infatti, il compositore e pianista russo Sasha Pushkin si esibirà al giardino Nardi Berti di Pratovecchio, mentre Mario Mariani sarà protagonista del suggestivo concerto sull’acqua, al Canto della Rana di Stia. Ad aprire la serata la giovane pianista toscana Giulia Mazzoni (che sta riscuotendo successi in tutto il mondo, leggi questo nostro precedente articolo per saperne di più) che si esibirà in Piazza Vecchia – Piazza Jacopo Landino di Pratovecchio. Tutto questo prima dell’evento più atteso, ovvero il concerto di Morgan che proporrà in esclusiva per il festival uno spettacolo speciale denominato Il Classico Morgan.

Il cantautore sarà accompagnato sul palco da Megahertz (Daniele Dupuis) alle tastiere. Morgan attraverso il pianoforte intraprendere un viaggio tra le sue passioni musicali a partire da Bach fino a Beethoven e Satie.Non mancheranno ovviamente omaggi ai grandi della musica contemporanea italiana come Domenico Modugno, Umberto Bindi e Sergio Endrigo tra gli altri, oltre ad un omaggio internazionale a David Bowie.
A chiudere la serata dopo la mezzanotte il Rusconi trio in piazza Nova – Piazza Paolo Uccello.

Sabato 23 luglio la giornata inizierà con il concerto d’organo di Giuseppe Azzarelli nella nella Propositura Santissimo Nome di Gesù di Pratovecchio e proseguirà nel pomeriggio con il concerto di Mario Totaro al Giardino Nardi Berti di Pratovecchio, mentre alle 18.30 sarà la volta del concerto nel parco di Vittorio Cosma, che si esibirà a Valagnesi (frazione di Pratovecchio Stia all’interno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi). Alla sera, la Piazza Vecchia – Piazza Jacopo Landino di Pratovecchio ospiterà i concerti del pianista e compositore fiammingo Wim Mertends con il saxofonista e clarinettista Dirk Descheemaeker, e il live dell’innovativo compositore italiano Roberto Cacciapaglia con Gianpiero Dionigi alla postazione elettronica. A mezzanotte, come ultimo concerto della giornata, a Piazza Nova – Piazza Paolo Uccello di Pratovecchio si terrà lo speciale evento Un pianoforte per L’Aquila con Mirko Signorile, Claudio Filippini e Giovanni Guidi.

La manifestazione si concluderà il 24 luglio con il concerto all’alba a Pieve di Romena (ore 5.30), dove spetterà a Rocco De Rosa dare il via alla chiusura.
In mattinata ci si sposterà poi a Pratovecchio, dove Giuseppe Azzarelli proporrà il suo concerto d’organo presso la Propositura Santissimo Nome di Gesù di Pratovecchio. A mezzogiorno, in Piazza Vecchia – Piazza Jacopo Landino, si terrà il concerto della Filarmonica Enea Brizzi diretta dal Maestro Leonardo Rossi con il Pianista Marco Lazzeri, che eseguirà Rhapsody in Blue di George Gershwin.

Nel pomeriggio, Gianni Lenoci terrà un concerto presso il Giardino Nardi Berti, mentre Roberta Di Lorenzo si esibirà presso l’ex Lanificio Berti di Pratovecchio.
Sarà l’esclusivo concerto di Alice, accompagnata dal pianista Michele Fedrigotti, a chiudere la manifestazione.
Per l’occasione la cantautrice interpreterà brani tratti dal programma ART ET DECORATION, un viaggio nella musica di fine Ottocento e primi Novecento, attraverso l’origine della canzone con brani di confine: chansons, songs e melodie di compositori come Hahn, Ives, Villa-Lobos, Fauré, Ravel, Satie, Gurney, Montsalvage, Sadero, Saint-Saëns.
L’ultimo appuntamento per Naturalmente Pianoforte 2016 sarà il concerto del compositore e pianista ucraino Lubomyr Melnyk.

Oltre alla musica da venerdì 22 a domenica 23 luglio si terrà Piano Academy diretto da Mario Mariani che comprenderà un percorso formativo articolato in 3 workshop (pianoforte classico – docente: Massimiliano Damerini; pianoforte moderno e contemporaneo – docente: Mario Totaro; jazz e free improvisation – docente: Gianni Lenoci) suddiviso in 3 giorni che darà l’opportunità ai 35 giovani pianisti italiani e internazionali selezionati di esibirsi nelle postazioni previste dall’organizzazione nelle vie e nelle piazze del paese, di fronte a un pubblico numeroso, vasto ed eterogeneo.

Quest’anno, l’immagine del festival è stata creata per l’occasione dal cantautore LUCA CARBONI che ha dichiarato:

Nel pensare un’immagine che potesse rappresentare il festival mi è piaciuta un’idea di pianoforte a coda, stilizzato, che si trasforma in un volto femminile, con rimandi a un velo, a sembianze che possano richiamare il mondo arabo. A me piace giocare sui contrasti, e spesso nelle mie opere figurative cerco di inserire elementi socio-politici o filosofici, che consentano anche a chi osserva di sviluppare una propria prospettiva“.

Durante la manifestazione decine di pianisti suoneranno i 19 pianoforti collocati nelle strade e nelle piazze dei due borghi e presso luoghi particolarmente suggestivi, come la Pieve di Romena, il castello di Porciano, il parco fluviale del Canto alla Rana, la frazione di Valagnesi, per 4 giorni di musica non-stop. Musica, come lingua, come segno, come funzione vitale da originare e plasmare attraverso il pianoforte, sempre nell’intento di valorizzare con l’invasione della musica un contesto irripetibile di paesaggio e architettura.

 

 

  
segui su: