MEZZALA: esce il videoromanzo di “Ancora un po’ bene”

shot

“Per anni, a intervalli piuttosto regolari, ti fa visita un’idea. Sempre educato e ben disposto la accogli e le dai ogni tipo di possibilità per mettersi comoda e svilupparsi al meglio. Lei però è una tipa difficile. Dice di aver chiaro il da farsi ma quando si tratta di arrivare al dunque tergiversa, fa marcia indietro, prende strade discutibili. Un giorno le dai un ultimatum e, per fortuna, scopri che era la cosa giusta da fare.”

Con queste parole si racconta Mezzala che inizia il nuovo anno pubblicando su Youtube il video dì Ancora un po’ bene, vero e proprio sequel del clip Le tue paure (qui il link) uscito il 17 giugno scorso come anteprima dell’album Irrequieto che ottenne ottimi riscontri (qui trovate la nostra recensione). Disco uscito a quattro anni di distanza dall’esordio del progetto solista Il problema di girarsi tramite il quale Mezzala ha realizzato un album e un ep dei Numero6 (gruppo storico indie pop con il quale si esibisce ancora dal vivo); un disco ispirato a certi album degli anni ’70 italiani di artisti del calibro di Ivan Graziani, Eugenio Finardi, Alberto Fortis, Lucio Dalla e, ovviamente, Lucio Battisti, per lui veri e propri punti di riferimento.
A tal proposito l’artista ligure raccontava:

“Quando si è trattato di battezzare il nuovo disco ho cercato una parola che riuscisse a rappresentarmi veramente. Davanti a irrequieto non ho avuto dubbi. L’album si sarebbe dovuto intitolare così” 

Ma tornando al videoromanzo: diretto, come il precedente, da Francesco Lettieri, uno dei più quotati registi italiani del momento, il video riprende per formula, storia e concetto, il linguaggio del fotoromanzo, rivisitandolo e attualizzandolo in chiave moderna e ironica. Ancora un po’ bene è il nuovo singolo estratto dall’ultimo album di inediti di Mezzala, uscito appunto l’estate passata, per The Prisoner Records con distribuzione Believe Digital.

Vi lasciamo il link per l’ascolto:

MEZZALA – ANCORA UN PO’ BENE

Buona Visione!

  Una mente intuitiva e razionale per un corpo istintivo e cosmopolita. Italo-tedesca trapiantata a Milano since 1991, imparo a scrivere prima ancora di camminare: inizio ad usare di nascosto la macchina da scrivere di mia nonna e battuta dopo battuta capisco che quel tic-tic-tic sarebbe diventato il mio suono preferito. Intraprendo la carriera universitaria in ambito comunicativo-giornalistico per perseguire il mio sogno. Cresciuta a pane e rock'n'roll da una mamma hippy approdo ad All Music Italia nel maggio 2015. Una biondina cinica e determinata un po’ Carrie Bradshaw, un po’ Miss Fletcher.
segui su: