MEI 2014: MARCO SBARBATI l’esordiente indie piu’ programmato in radio

marcosbarbati

Dal lancio ufficiale della speciale graduatoria Absolute Beginners Radio Airplay Chart fino allo scorso 31 agosto scorso, Marco Sbarbati tra le nuove promesse di casa Sugar Music, insieme con Marianna Mirage (ne abbiam parlato qui) è risultato essere l’artista esordiente indipendente più trasmesso dalle radio italiane, grazie al singolo d’esordio Backwords.

Questo il videoclip ufficiale del fortunato pezzo!

E con questa premessa, il giovane cantautore marchigiano riceverà un premio speciale, insieme con la sua etichetta discografica che abbiamo già detto essere la Sugar, e con la società di promozione e comunicazione Red&Blue, per il lavoro svolto e per i risultati ottenuti sulle radio regionali e locali.

Dove? Ciò accadrà naturalmente, nella consona cornice del M.E.I. (Meeting delle Etichette Indipendenti) a Faenza dal 26 al 28 settembre, una grande e tradizionale rassegna musicale che quest’anno festeggia il 20esimo compleanno dalla sua nascita. Ma di questo abbiam già parlato, illustrandovi il programma completo e il cast. E per i più curiosi, abbiam svelato anche tutti i vincitori che quest’anno si sono aggiudicati gli ambiti Oscar della musica indipendente.

Inoltre Radio Airplay assegnerà un riconoscimento ad Ora Musica quale miglior format Radio-TV d’intrattenimento musicale dedicato alla promozione di artisti emergenti italiani.

Sostieni la Musica Italiana e AllMusicItalia acquistando la copia originale dell’ultimo singolo di MARCO SBARBATI in formato digitale su Itunes
o su Amazon

  Salentino, studio Lettere (curriculum classico) all’Università e la Lingua dei Segni italiana presso l’ENS di Lecce. Già blogger occasionale per “un Filo-Blues” (all’interno di 20centesimi.it) e membro dell’Osservatorio Musicale Salentino, nato a seguito di un corso di critica musicale dell’Università del Salento. La mia vocazione è il canto, in più suono il pianoforte e mi piacciono molto la black music, il cantautorato – amore profondo per quello un po’ stagionato! – e gli strumenti dalle sonorità naturali, come l’armonium.
segui su: