MANGO polemico scrive una lettera ai suoi fan

mango

Mango, ieri sera, ha pubblicato sulla sua pagina Facebook una lunga lettera-sfogo indirizzata ai suoi fan.

Circa un mese fa, il cantautore ha annunciato l’annullamento del suo tour in quanto non in linea con il suo essere musicista e con le emozioni che è solito trasmettere.

Con questo post, invece, comunica ai suoi amici carissimi che prenderà parte ad alcune manifestazioni, in qualsiasi posto in cui sia richiesta la mia presenza come lui stesso scrive.

Le date al momento confermate sono:

8 agosto – VALLESACCARDA – Piazza Michele Addesa – Ore 22.00
9 agosto – PICERNO (PZ) – Teatro Comunale – Via Portanova – Ore 22.00
14 agosto – AQUILONIA (AV) – Piazza Guglielmo Marconi – Ore 22.00
15 agosto – VIETRI DI POTENZA (PZ) – Viale Tracciolino – Ore 22.00

Ecco qui la lettera:

Amici carissimi, agosto 2014

Non è passato neanche un mese dall’ultimo scritto in cui vi annunciavo di aver annullato il tour estivo, con il più grosso rammarico nel cuore, nell’aver potuto constatare che la perdita di determinati valori, in alcune persone, aveva preso il sopravvento sul rispetto e l’onestà di carattere. E poi, di quanto la mia sana voglia di comunicare con voi, da un palco, le più alte vibrazioni che in me si potessero  depositare, traversando arrangiamenti assecondati dalla benevolenza del gusto e dalla personalità di musicisti come Carlo De Bei e Rocco Petruzzi, incantevoli dispositivi di una creatività interiore capace di stendere le braccia intorno ad un suono e farne farfalle d’affetto antico e sentimento futuro. Avrei voluto dipingermi il viso dei vostri più remoti pensieri per farne espressione notturna e cavalcavia dei sensi e in ogni canzone cantarne l’esistenza per voi e per me, lacrimando la bellezza così come si lacrima un pudore d’amore. Io credo alla vigilanza dei suoni perché in essi è il segreto del vivere bene. Chi ama ascoltare sa raccontare a se stesso che la gioia appartiene a un sorriso mentale, quello che io leggo in voi, amici carissimi, ogni qual volta sollevate un applauso nell’aria sovrastante, per spingerlo, poi, verso il palco e lì scuotere le vostre tovaglie di gratitudine su di noi. Ed eccola la felicità bussare agli angoli del mio essere vivo e sognatore e lì farmi massacrare d’armonia ed emozione, come un pugile messo alle corde da un amore fedele. In ogni canzone che ho scritto ho cercato di descrivere quest’universo e in ogni canzone che abbiamo rivisitato, con Rocco e Carlo, abbiamo descritto quest’universo. Ogni parola, ogni nota che nasce da noi deve calibrare quella zona del nostro futuro, così, come quando si indossa qualcosa che ci piace indossare e io ho voglia di indossare tutto ciò che mi piace.

Io ho voglia di cantare, di suonare, di esprimere le emozioni che dentro me collaborano con tutto il corpo fino a definire un livello di sensibilità capace di trasformare un livello sonoro in una schietta emozionalità che da embrionale diventa nascita e creatività continua. E allora, dopo aver detto “no“ ad un tour incapace di somigliare alla mia o meglio alla nostra indole di musicisti, di artisti e uomini in grado di percepire i colori, gli odori della vita e le sensibilità così come un portale gentilizio seicentesco riesce a fare col tempo che gli passa addosso senza fermarne la vita né anima. E allora, dopo aver detto “no” al tour, ho deciso di accettare alcune richieste di amici che mi proponevano di partecipare, in modo diverso da quello stabilito, a manifestazioni, a festival, a torrenti emozionali nascenti da acque pulite con cui dissetare voglie espressive e sospensioni del cuore. Non sarò in tour, poiché il tempo non mi consente di riorganizzare il tutto in pochissimi giorni, però mi piacerebbe essere presente, in qualsiasi posto in cui sia richiesta la mia presenza, non per fare necessariamente qualcosa, ma per promuovere quel senso di piacere che nasce ogniqualvolta la sensibilità chiede allo spirito interiore di promuovere il piacere del vivere. 

Vi aspetto

                                                                                       Mango 

  Blogger per caso. Così mi si potrebbe definire. Nonostante la mia formazione economica, la musica è sempre stato il sottofondo della mia vita e non solo: nel mio curriculum trovate la gestione di un fan club e una tesi di laurea intitolata “Il marketing degli eventi musicali live“. Vivo a Milano e di lavoro faccio la cattiva: sono quella che, quando andate a chiedere un finanziamento, dice di NO! Blogger per caso su All Music Italia.
segui su:

  • Francesco Priolo

    Vorrei far conoscere Mango alla mia ragazza,è possibile?aspetto risposta,grazie mille