“Maka” di SIMONE AGOSTINI: il nuovo album ispirato alla Madre Terra

??????????????????????

“Maka” nella lingua del popolo Sioux, la più famosa tribù indiana del Nord-America, significa “Terra”. Maka (Protosound Records) è anche il titolo del nuovo album del chitarrista Simone Agostini, che ha scelto la madre Terra come filo conduttore delle 10 tracce che compongono il suo secondo progetto musicale.

“Terra intesa come confini geografici, ma anche come spazio temporale di storie e di popoli. Terra intesa anche come mondo, mondo da cui spostarsi fino ad un ipotetico viaggio nello spazio da cui lanciare un ultimo sguardo indietro, prima di sparire nell’infinito” – spiega il musicista di Chieti.

CoverMAKA

A distanza di 5 anni da Green, disco che ha segnato il suo debutto discografico, Simone Agostini è tornato con questo nuovo album, in distribuzione digitale dal 14 novembre su tutte le piattaforme download e streaming. 10 composizioni in cui la chitarra acustica è la vera protagonista, arricchita in alcuni brani da preziosi featuring: troviamo, infatti, il violino di Francesco “Fry” Moneti (Modena City Ramblers), la viola del M° Peppino Pezzulo e le percussioni di Walter Caratelli.

Sperimentazione  e contaminazione sono le parole chiave di Maka. In questo nuovo lavoro di musica strumentale Simone Agostini affronta la scrittura da più punti di vista: non solo chitarra acustica, ma anche strumenti etnici come il bouzouki greco ed il flauto dei nativi americani. Non manca infine un richiamo al mondo contemporaneo, dominato dalla nuove tecnologie, evocato attraverso le tessiture di e-bow ed effetti, presenti nel primo singolo estratto Outer space. Ecco il videoclip ufficiale:

Simone Agostini, nasce a Roma il 12 maggio 1981. Dopo pochi mesi si trasferisce a Chieti con la sua famiglia dove vive tuttora.
Inizia a muovere i primi passi nel mondo della musica all’età di dieci anni intraprendendo lo studio della chitarra classica. Prosegue assiduamente per alcuni anni in questa direzione fino all’incontro con Paolo Giordano, grazie al quale apre i suoi orizzonti alla chitarra acustica.
L’approccio ai suoni ed alle tecniche di questo nuovo strumento lo porta ad esibirsi numerose volte con brani principalmente di propria composizione.
Nel 2005 compone la colonna sonora per lo spot televisivo “Un buco nel muro” in cui figurano come testimonials Francesco Totti, Paolo Maldini e Alessandro Preziosi. Nel maggio dello stesso anno vince il secondo premio del concorso New Sound of Acoustic Music (Premio Wilder-Davoli) in occasione dell’ 8 th Acoustic Guitar International Meeting di Sarzana. Nel febbraio 2008 è al “guitar winner” nella finale europea dell’Emergenza Acoustic Showcase. Nel Maggio 2008 partecipa al Residential Seminar di Pierre Bensusan a Château-Thierry (Francia). Dall’estate 2008 suona nella band del cantautore abruzzese Paolo Tocco.

Il 12 Giugno 2009 esce il suo primo disco “Green” distribuito dall’etichetta fingerpicking.net sui principali store digitali. Nell’estate 2009 intraprende lo studio del bouzouki greco. Nel 2011 gira il video ufficiale del brano “A25” affidato alla regia di Sebastiano Bontempi ed all’interpretazione dell’attrice Anna Ferzetti. Nel 2012 frequenta l’International Film Music Lab presso il Centro Sperimentale di Cinematografia (CSC) di Roma sotto la direzione artistica del M° Ennio Morricone. Tra l’Autunno 2012 e il 2014 compone diverse colonne sonore e pubblica brani con diverse music libraries internazioniali ed edizioni televisive tra cui RAI e MEDIASET. Il 14 Novembre esce “MAKA”. Il secondo lavoro di inediti in studio prodotto da Paolo Tocco per Protosound Records. In tutti gli store digitali e in distribuzione tradizionale.

 

  Laureato in “Arti e Scienze dello spettacolo”, attualmente frequento il Corso di Laurea Magistrale “Professioni dell’Editoria e del Giornalismo“. Grande appassionato di TV e Musica non mi perderei un Festival di Sanremo per niente al mondo. Prediligo il pop italiano e mi appassionano gli artisti emergenti. Domani vorrei essere un giudice di X-Factor. Scrivere è quello che mi riesce meglio. Segretamente aspirante paroliere.
segui su: