I MADAUS chiedono l’aiuto dei fan per la realizzazione del video di “Tempo”

madaus

Vi avevamo già parlato dei Madaus, il trio volterrano formato da Aurora Pacchi (voce), Antonella Gualandri (piano) e David Dainelli (basso).

Molta curiosità ha suscitato la motivazione che ha spinto il progetto a darsi questo nome. A Volterra vi è un ex ospedale psichiatrico, in abbandono dal 1978. È proprio da questo che nasce il nome del progetto: Madaus è l’italianizzazione del termine inglese “madhouse“, manicomio per l’appunto.

Lo scorso gennaio è stato pubblicato il loro album di debutto, La macchina del tempo. Un concept album dedicato al tempo, alle mille nature del suo scorrere e ai molteplici effetti del suo arrestarsi.

Dopo 100 cani, singolo “di lancio”, sta per essere realizzato il videoclip di Tempo, che vedrà la partecipazione degli stessi fan del trio!

I Madaus hanno infatti lanciato sulla propria pagina Facebook un concorso (da ritenersi giocoso, senza premi finali), invitando chiunque volesse a riprendersi con una telecamera nell’atto di cantare il brano sopracitato.

I video vanno inviati a [email protected] entro domenica 7 settembre. Nell’email vanno indicati anche nome, cognome e città del mittente.

La partecipazione e l’utilizzo delle immagini è da intendersi gratuitamente, in caso di scelta si verrà ricontattati dal gruppo.

Sostieni la Musica Italiana e AllMusicItalia acquistando la copia originale dell’ultimo album dei MADAUS in formato digitale su Itunes
o il cd su Amazon

  Laureando in giornalismo, cantante per vocazione, responsabile Officina del Talento qui su All Music Italia, speaker per Radio Stonata, redattore per Eurofestival News. Un ragazzo multitasking direbbero gli inglesi, poiché non riesco a fare una sola cosa in un solo momento. Sento l’esigenza inconscia di incasinarmi la vita con troppi impegni nel mondo della comunicazione e tutti rigorosamente legati alla musica. Vivo costantemente alle prese con file mp3, video Youtube, status su Facebook, hashtag su Twitter, post nei forum. Ma appena possibile stacco il cervello, butto due cose in valigia e parto alla scoperta del mondo.
segui su: