LO STATO SOCIALE: un Contest rivolto ai fan e la ristampa de “L’Italia peggiore”

133441179-5c6fc8d7-7ffc-4be6-8a4d-399cd98f5f5d

Era il 2 giugno dello scorso anno quando Lo Stato Sociale, band elettropop bolognese, pubblicava il secondo album in studio L’Italia Peggiore (Garrincha dischi).

Dall’album vengono estratti i singoli C’eravamo tanto sbagliati, Questo è un grande paese (feat. Piotta & Max Collini) e l’ultimo La musica non è una cosa seria.

Alla pubblicazione e alla promozione del nuovo progetto discografico seguono diversi Tour con un numero davvero cospicuo di live, sia in Italia che all’Estero (Londra, Parigi, Berlino, Amsterdam, Bruxelles, Budapest), molti dei quali sold out.

Dopo la conclusione dell’Italia Peggiore Tour e del tour estivo, per festeggiare il raggiungimento del numero di 100 date, il gruppo formato da Alberto Cazzola, Lodovico Guenzi, Alberto Guidett, Enrico Roberto e Francesco Draicchio, ristampa l’ultimo disco, esaurito questa estate, con un nuovissimo package. Ad accompagnare la nuova veste de L’italia peggiore anche l’uscita del videoclip ufficiale de La musica non è una cosa seria, girato in tre giorni di vacanza nelle spiagge tra Campania, Calabria e Puglia.

Da qui l’idea di un contest rivolto ai fedeli estimatori della band. Il contest consiste nella realizzazione di un video che racconti la propria vacanza estiva usando, ovviamente, come colonna sonora il brano dalle sonorità reggae ed ultimo singolo estratto.

Il video dovrà essere postato sui social accompagnato dall’hashtag #lamusicnoneunacosaseria.
Al lavoro più bello, decretato dalla Garrincha Crew, verranno regalati due biglietti per partecipare al’evento, ormai sold out, del 21 novembre al Paladozza di Bologna dove Lo Stato Sociale, insieme a colleghi, amici e fan festeggerà a suon di musica, prima di ritirarsi nuovamente in studio.

  Laureato in “Arti e Scienze dello spettacolo”, attualmente frequento il Corso di Laurea Magistrale “Professioni dell’Editoria e del Giornalismo“. Grande appassionato di TV e Musica non mi perderei un Festival di Sanremo per niente al mondo. Prediligo il pop italiano e mi appassionano gli artisti emergenti. Domani vorrei essere un giudice di X-Factor. Scrivere è quello che mi riesce meglio. Segretamente aspirante paroliere.
segui su: