L’irriverente PINO SCOTTO in arrivo con il nuovo album “Live for a dream”

pinoscotto-post

A distanza di due anni, Pino Scotto non manca al suo consueto appuntamento biennale e tramite V-Promotion e Valery Records annuncia l’uscita del nuovo lavoro Live for a Dream, un album rigorosamente live registrato in studio che includerà un DVD contenente immagini live delle registrazioni in studio, interviste, videoclips, curiosità e molto altro; sedici i brani incisi, più due inediti, che andranno a raccontare l’intero percorso musicale di Pino, dagli esordi con i Pulsar, passando per Vanadium, Progetto Sinergia e Fire Trails fino ad arrivare all’attuale carriera da solista. L’uscita è prevista intorno alla fine di marzo e precederà il Live for a dream tour che inizierà invece il 24/25 aprile 2016, in Sicilia.

Ancora una volta gli ospiti coinvolti sono tantissimi, band, musicisti, voci della scena rock e heavy metal:
bands: Strana Officina, Sadist, Ritmo tribale, Destrage, Olly & The Soulrockets
vocalists: Roberto Tiranti, Fabio Lione, Ambramarie
chitarristi: Stefe Burns, Steve Angarthal, Igor Gianola, Dario Cappanera, Filippo Dallinferno, Ale “Fuzz” Regis
batteristi: Rob Iaculli, Alex Mansi, Marco Di Salvia
bassisti: Dario Bucca, Roberto Dellera, Ciccio Li Causi
tastieristi: Alex Del Vecchio, Maurizio Belluzzo
violinista: Valentina Cariulo
armonicista: Fabio Treves

Rimanendo in tema collaborazioni, Pino Scotto è anche a capo di Via di qua, il nuovo progetto umanitario che segue a distanza di circa tre anni Occhio, con i Club Dogo, QUI il video. Questo brano altro non è che una naturale prosecuzione della collaborazione nata con il nuovo lavoro in studio della band pugliese dal titolo Sciogli il Tempo – uscito nel 2014 in cui il rocker italiano duetta nel singolo e nel video Lo Spazio che ti Spetta – e del conseguente tour con il side project Pino Scotto & Rocky Horror.

Come accennato in apertura, al brano ed al video hanno collaborato molti volti noti dello spettacolo e del giornalismo, da Omar Pedrini (ex Timoria), Bunna (Africa Unite ed ex Giuliano Palma & The Bluebeaters), Madaski (Africa Unite e The Dub Sync), Terron Fabio (Sud Sound System), Trevor e Tommy Talamanca (Sadist), ad Andrea Rock (Virgin Radio e Rezophonic), Andy (Bluvertigo e Fluon), Pier Gonella (Necrodeath E Odyssea), Skandi (Vallanzaska e Ruggero De I Timidi), Ivano Grieco (Krikka Reggae), Gianni Colonna (Superzoo) e Dj Blast (ex Sona Sle); da Davide Moscardelli (U.S. Lecce), Nuzzo Di Biase (Quelli Che Il Calcio), Cisco (Le Iene), Vittoria Hyde (Virgin Radio), Michele “WAD” Caporosso (Radio Deejay), a Daniele Selvitella (Radio 105 Network), Stefano Agliati (Rock Tv), Betty Style e il cantautore e producer Paolo Tocco (Protosound Records).

Insomma, tanti tantissimi i nomi a supporto del progetto umanitario Rainbow Projects, il cuore dell’operazione, creato e promosso dallo stesso Scotto e dalla dott.ssa Caterina Vetro che da anni impegna nella ricerca di fondi per le popolazioni meno fortunate del mondo. Quest’anno il mirino puntava in direzione America Centrale ed il risultato è stato proprio il singolo scritto dai pugliesi Rocky Horror che racconta di un ragazzo chiuso in se stesso, alla ricerca della propria strada e della propria identità.. Per questo decide di partire, cambiare, fisicamente e mentalmente.
Un viaggio introspettivo nel tentativo di dare una svolta a tutta la sua vita.

Un 2016 intenso per Pino Scotto, restiamo in attesa delle date ufficiali del tour.

  Una mente intuitiva e razionale per un corpo istintivo e cosmopolita. Italo-tedesca trapiantata a Milano since 1991, imparo a scrivere prima ancora di camminare: inizio ad usare di nascosto la macchina da scrivere di mia nonna e battuta dopo battuta capisco che quel tic-tic-tic sarebbe diventato il mio suono preferito. Intraprendo la carriera universitaria in ambito comunicativo-giornalistico per perseguire il mio sogno. Cresciuta a pane e rock'n'roll da una mamma hippy approdo ad All Music Italia nel maggio 2015. Una biondina cinica e determinata un po’ Carrie Bradshaw, un po’ Miss Fletcher.
segui su: