L’energia dei BOLIVAR esplode in “Oltre ogni ragionevole” e li spinge verso la finalissima del FESTIVAL SHOW (VIDEO)

13925383_1141164582609650_4129790905682557920_n

I Bolivar sono un giovane gruppo della provincia di Latina che, grazie alla loro energica indole pop/rock stanno conquistando crescenti riscontri. Ultimi in ordine di tempo la fiducia dell’etichetta Rusty Records e la partecipazione al contest dedicato agli emergenti dalla manifestazione itinerante Festival Show che potrebbe portarli presto sul palco dell’Arena di Verona con il loro brano Oltre ogni ragionevole.

Una canzone prodotta in collaborazione con la prestigiosa firma di Enrico Kikko Palmosi proprio per Rusty Records, che diventa di fatto il miglior biglietto ad visita per lo stile di questo collettivo musicale capace di abbinare originalità,  contenuti e carica musicale.

Oltre ogni ragionevole è un pezzo articolato e dall’elevato peso specifico che al tempo stesso riesce a mantenere un bell’impatto, arrivando ad essere recepito con facilità ed immediatezza pur sviluppando un concept di certo non banale, che si basa sulla descrizione della scena di un processo che diventa metafora per il  racconto della difficoltà riscontrata nella realizzazione di un progetto musicale, come raccontano loro stessi nel presentare questo singolo:

“Siamo nella scena di un processo, dove sta per essere condannato un innocente. L’imputato in questione è accusato di possedere una dote, una sorta di potere inesplicabile che, in succo, è quello dell’arte. E quest’uomo passerà per un matto. La storia è raccontata in prima persona dall’imputato, ma ci sono anche degli spostamenti di prospettiva e di punti di vista. E il protagonista si difende esprimendo più o meno questo concetto: “Come puoi tu, che vivi una vita costantemente formalizzata, guidata dai tuoi codici e dai tuoi abiti, che hanno ormai preso il sopravvento sulla tua natura di uomo, come puoi tu che sei il prodotto di parole che qualcun altro ha scritto perché tu le applichi, giudicare chi invece è atto spontaneo, creativo, e che dunque non puoi comprendere?”. Ma ad uno snodo cruciale di questa storia surreale si scopre che, tutto è il prodotto di un’ennesima arte, che si tratta semplicemente della scena di un film e che dietro il tutto c’è un altro uomo, il regista del film, che a sua volta sarà giudicato per matto, per aver partorito questa storia”

Una linea narrativa che ritroviamo anche nel video ufficiale, diretto da Paolo Marchione, che ben supporta il senso e la forza del brano.

BOLIVAR – OLTRE OGNI RAGIONEVOLE – VIDEO

CHI SONO I BOLIVAR

La band nasce a Pontinia, un piccolo e giovane comune dell’Agro Pontino, nell’altrettanto giovane Provincia di Latina.

Il percorso musicale ebbe inizio in accordo tra Alessandro e Carlo, rispettivamente chitarra e piano, alle loro primissime esperienze compositive. In un secondo momento, scopertosi interessato alla situazione creatasi, anche Lele (voce), fratello gemello di Carlo, si impegna, a tempo pieno, nella costruzione di un piccolo progetto musicale inedito. Timidamente, in modo del tutto naturale, la musica dei giovani Bolivar inizierà ad attirare le attenzioni di altri musicisti: si arricchiscono così le fila della band, in quella che sarà una vera e propria moltiplicazione: si uniscono Enrico (chitarra), Gabriele (basso), Federico (batteria) e successivamente Gianmarco, in qualità di batterista al posto di Federico.

Dopo i piccoli successi locali e regionali, dopo tantissimi Festival, Piazze, Club e locali, dopo vari tentativi di accesso in alcuni Talent Show e dopo le prime incisioni amatoriali, i Bolivar producono il loro primo Ep ufficiale presso gli UpMusic Studios di Cernusco sul Naviglio (Milano). Composto da 3 tracce, la produzione artistica dell’Ep viene curata dal produttore Enrico ‘Kikko’ Palmosi, con la collaborazione di altri professionisti del settore per missaggio e mastering, tra i quali l’ingegnere del suono britannico James Reynolds.

Nel 2015 viene girato il primo videoclip, relativo al primo singolo d’uscita dei Bolivar. Il brano si intitola Oltre Ogni Ragionevole… e la regìa è stata curata dal director romano Paolo Marchione.

Successivamente alla produzione dell’ep i Bolivar cominciano ad iscriversi a vari concorsi nazionali tra i quali Festival Show 2016, per il quale sostengono le prime fasi di audizione il 23 Aprile 2016 a Roma e le finali a Caorle (VE) il 7 e 8 Maggio 2016, dove una volta selezionati tra le 30 proposte emergenti più interessanti si esibiscono davanti a giudici di altissima qualità come Mogol, Red Ronnie, Tino Silvestri, Paola Folli e Dariana Koumanova.

Ottengono qui l’accesso tra i 12 finalisti del tour estivo. Durante lo stesso periodo i Bolivar vengono anche selezionati dalla nota rivista Rockit come Band emergente rappresentativa della Regione Lazio, per Amici stretti tour della Camparisoda, a Gaeta (LT) il giorno 22 Maggio 2016.

Il 4 Giugno 2016 i Bolivar vengono selezionati tra i 10 gruppi finalisti del Campus Band 2016  la kermesse si svolgerà nella cornice del Castello Sforzesco di Milano ed in giuria vedrà la presenza di personaggi del calibro di Mogol, Franco Mussida, Mario Lavezzi, Angelo Baiguini, Andrea Lanfranchi.

I Bolivar sono:

Lele Spadaro (Voce)
Carlo Spadaro (Piano, Tastiere, Synth, Sequencer, Voce)
Alessandro Cavallaro (Chitarra)
Enrico Bellissimo (Chitarra)
Gabriele Fonti (Basso)
Gianmarco Bellardini (Batteria, Hacking Vocals)

QUI trovate la loro pagina Facebook, QUI il loro profilo Twitter.

  Classe 1983, piemontese, su AllMusicItalia per fondere finalmente passione ed esperienze maturate nella musica e nella scrittura, con l’obbiettivo di creare un racconto che possa portare un punto di vista originale su quanto presente nel panorama musicale del nostro paese. Il tutto armato di curiosità, in particolar modo nei confronti dei mille sorprendenti volti offerti dalla musica emergente italiana.
segui su: