Jack Jaselli pubblica a novembre Torno a casa, il primo album in italiano

Jack Jaselli

Venerdì 23 novembre uscirà disponibile nei negozi di dischi tradizionali, in digital download e su tutte le piattaforme streaming con distribuzione Universal Music Torno a casa il nuovo disco di Jack Jaselli che vede alla produzione Max Casacci dei Subsonica.

Il disco sarà anticipato in radio e in vendita da Balla, nuovo singolo estratto in uscita il 9 novembre con un’anticipazione live che si terrà il 16 ottobre in apertura al concerto di Donavon Frankenreiter al Santeria Social Club di Milano.

Balla viene descritto come un brano ricco di groove in cui le chitarre funky si alternano a bassi profondi e incisivi che fanno da sfondo a parole nostalgiche, incalzanti e sensuali.

IL PRIMO DISCO IN ITALIANO

Torno a casa sarà il primo disco di Jack Jaselli cantato completamente in italiano. Nato tra le dita del cantautore milanese, ha poi preso forma nelle trame elettroniche del produttore torinese Max Casacci. A comporlo otto canzoni che portano il cantautore verso nuove direzioni musicali.

Ecco come ne parla Jaselli:

Ho scelto di chiamare il mio primo disco in italiano Torno A Casa principalmente per due motivi. Il primo è strettamente legato alla questione geografica: il mio precedente e terzo album è stato scritto e registrato a Los Angeles, questo è stato scritto in giro per l’Italia e ha preso vita a Torino, nelle stanze dello Studio Andromeda di Max Casacci. Il secondo motivo è quello della lingua: per la prima volta ho scritto e cantato in italiano. È stato come costruire una casa con dei mattoni diversi da quelli a cui ero abituato, e d’un tratto è diventato bellissimo e stimolante. È stato un passo necessario perché esplorare la propria lingua equivale a affondare le mani nelle proprie radici, conoscere le proprie tradizioni e il proprio Paese.

Per quanto riguarda l’aspetto musicale il mio sentirmi a casa è stato paradossalmente continuare a sperimentare nuovi suoni e, insieme a Max, abbiamo deciso di dare un sound fresco e articolato ai brani, nati chitarra e voce. Il risultato è stata una fusione di groove, beat, elettronica e cantautorato più tradizionale. Di certo non c’è nulla di statico in questa raccolta di canzoni. Del resto, per tornare a casa bisogna pur compiere un viaggio.

Conosciamo meglio Jack Jaselli

Cantante, chitarrista e autore nato a Milano e cresciuto girando il mondo.
Nel 2010 pubblica It’s Gonna Be Rude, Funky, Hard album promosso dal vivo con più di 80 date in un anno. Un disco che vede entrare nella classifica Earone dei brani più trasmessi dalle radio ben tre singoli.

Nel 2013 esce I Need The Sea Beacuse It Teaches Me, un minialbum acustico registrato in trio interamente dal vivo, in una casa scavata negli scogli a picco sul Mar Ligure. Nello stesso anno Jack Jaselli vince il Cornetto Summer Of Music Tour Negramaro Contest, che gli dà l’opportunità di aprire i concerti della band salentina negli stadi di San Siro e dell’Olimpico, davanti a 80.000 persone.

Nel 2016 esce Monster Moon disco registrato ai Fonogenic Studios di Los Angeles, prodotto da Ran Pink. Nello stesso anno Jack lavora insieme a Lorenzo Jovanotti a due brani che faranno parte della colonna sonora de L’Estate Addosso di Gabriele Muccino.

Tra il 2016 e il 2017 collabora con Gué Pequeno a una sessione acustica di alcuni brani che verranno pubblicati nella versione bonus del suo album e nello stesso anno con Elodie per cui scrive il brano La Differenza e Danti con cui compone e interpreta il singolo Solo Per Te.

Il cantautore milanese ha suonato al fianco di artisti del calibro di Ben Harper, Gavin DeGraw, Xavier Rudd, Lee Ranaldo, Fink, Lewis Floyd Henry, The Heavy, Giusy Ferreri, Alberto Camerini, Jack Savoretti, Dj Aladyn e Pink Is Punk.

Nel 2017 esce il primo estratto dall’album in italiano di prossima pubblicazione, In Fondo Alla Notte. Nel marzo 2018 esce il secondo singolo Nonostante Tutto, un brano composto a 76 mani insieme alle detenute del carcere femminile della Giudecca di Venezia. Nonostante Tutto non è solo un brano ma è anche un documentario scritto, interpretato e narrato dal cantautore milanesse trasmesso sul canale televisivo Real Time che racconta la peculiare genesi della canzone e documenta le registrazioni dei cori delle ragazze effettuate all’intero del carcere insieme a Max Casacci.

L’estate del 2018 viene dedicata al tour e a luglio Jack Jaselli partecipa al Premio Bindi ricevendo la Targa Giorgio Calabrese come Migliore Autore.

 

 

  
segui su: