IZI: il nuovo singolo SCUSA (feat. Moses Sangare) tratto dalla colonna sonora di ZETA – Il Film

IZI

“Scusa se non riesco mai a cambiare
E non ho soldi per portarti al mare
Scusa, non sono quello che che volevi te
Ma non so lasciarti andare
Scusa, se la mia vita è scritta male
E sbaglio sempre sul finale
Ancora scusa, scusa, scusa
Forse è troppo tardi ma ti chiedo..”

Tratto dalla colonna sonora di ZETA – Il Film è Scusa il nuovo singolo di Izi (feat Moses Sangare), in rotazione radiofonica da venerdì 15 aprile. Prodotto da Shablo e girato da Cosimo Alemà, contiene un cameo nascosto tutto da scoprire.

Oltre ad essere inserito nella colonna sonora di Zeta, in uscita in tutte le sale discografiche a partire dal prossimo giovedì 28 aprile, Scusa è il primo estratto di Fenice, il nuovo album di Izi che uscirà il prossimo 13 maggio.

ZETA – IL FILM

È un film generazionale girato dal più famoso regista di videoclip italiano, Cosimo Alemà, ed è la storia di tre ragazzi ambientata tra il centro e la periferia di Roma, con il sogno di sfuggire dal destino che la società ha in serbo per loro. Il protagonista del film è Alex/Zeta, nella vita Diego Germini aka IziZeta si pone come uno spaccato realistico della vita nella scena rap italiana e delle nuove dinamiche e problematiche che ogni giorno affrontano le nuove generazioni di artisti hip hop.

ZETA

Vede tra l’altro, un cast d’eccezione, tra gli altri: Clementino, Ensi, Fedez, Briga, Salmo, Rocco Hunt, Shablo, J-Ax, Baby K, Tormento, Noyz Narcos, Lowlow, Shade, Fatt Mc, Rancore, Metal Carter […]. QUI l’articolo con qualche info in più

IZI – ACQUA, APNEA e MUSICA CLASSICA

Al secolo Diego Germini, nasce a Savigliano in provincia di Cuneo nel 1995. La mamma, originaria di Cogoleto (cittadina alla frontiera Ovest di Genova), decide di partorire all’Ospedale di Savigliano dove è possibile il parto in acqua. Diego vive dunque i primi secondi della sua vita sott’acqua, in apnea, mentre nell’aria si diffonde musica classica.

Diego attribuisce il timbro della sua voce anche alle circostanze della sua venuta al mondo.

Un’ infanzia di alti e bassi, poi a 17 anni, abbandona la scuola e scappa di casa E proprio tramite la scrittura inizia un processo, mai interrotto, di faticosa costruzione di sé e di ricerca del suo vero io. In questo periodo di vagabondaggio, inizia a scrivere con più intensità e continua ad ascoltare la musica che ha sempre amato, dagli capisaldi italiani De Andrè Gaber agli internazionali George Brassens, Johnny Cash, Depeche Mode David Bowie, ma inizia a anche ad avvicinarsi ai rapper italiani e oltreoceano. Per certi versi il rap gli sembra lo strumento e la voce dei nuovi cantautori, i testi che scrive ruotano intorno alla tempesta che sente dentro sé e alle cose che vede fuori, racconta quello che vede filtrandolo attraverso la propria sensibilità, scrive prose, poesie e canzoni. I suoi pezzi prendono sempre più la forma di ballate rap e Diego inizia a cantarle, esibendosi in bettole nei vicoli di Genova, con il nome di Izi Erre. Con altri amici fa parte della crew Wild Bandana e inizia a farsi notare nell’ambiente.

È a questo punto che la produzione di Zeta lo incontra. Cosimo Alemà e gli altri produttori del film cercano un giovane rapper di talento cui affidare la parte di Alex, il protagonista. Nello stesso periodo inizia a comporre le musiche di quello che sarà il suo primo disco ufficiale, parte anche della colonna sonora del film. Il disco, prodotto da etichetta Sony Music, segna l’inizio della collaborazione con Shablo e contiene featuring con alcuni tra i più noti artisti della scena italiana.

  Una mente intuitiva e razionale per un corpo istintivo e cosmopolita. Italo-tedesca trapiantata a Milano since 1991, imparo a scrivere prima ancora di camminare: inizio ad usare di nascosto la macchina da scrivere di mia nonna e battuta dopo battuta capisco che quel tic-tic-tic sarebbe diventato il mio suono preferito. Intraprendo la carriera universitaria in ambito comunicativo-giornalistico per perseguire il mio sogno. Cresciuta a pane e rock'n'roll da una mamma hippy approdo ad All Music Italia nel maggio 2015. Una biondina cinica e determinata un po’ Carrie Bradshaw, un po’ Miss Fletcher.
segui su: