Iniziano a cadere le GOCCE di SIRUAN. Pesanti frammenti musicali sparsi nel web (VIDEO)

siruan_gocce

“Il risultato? Mi è sfuggito di mano, le canzoni hanno seguito la loro strada“. Così Siruan presenta Gocce, il nuovo progetto che porta sotto i riflettori l’indole artistica che si cela dietro il nome d’arte del musicista bellunese Matteo Gracis. Un lavoro totalmente atipico, che non si può definire discografico dato che non si potrà comprare, non si potrà scaricare per intero, non si potrà ascoltare in concerto e non è dato conoscerne la tracklist. Sappiamo solo che Gocce è composto da 7 frammenti musicali che verranno sparsi in giro per il web, rilasciando una traccia al mese da aprile fino a ottobre 2016 senza mai apparire né in foto né in alcuna attività promozionale.

Ad oggi possiamo ascoltare le prime due tracce, Immenso e Umano.

Immenso è un vero e proprio esperimento musicale, una composizione dove il testo è chiamato a raccontare le immagini del video, raccolte e montate dallo stesso Siruan: “Ho cominciato a riperdere varie scene, assemblando scorci e azioni, da li mi sono ispirato per la scrittura dei testi e per la combinazione delle musiche “.  Un brano sviluppato imboccando contromano l’iter che normalmente si segue nella realizzazione di un videoclip, con un risultato spiazzante che si presenta come un ambizioso ma riuscito esercizio di stile.

IMMENSO – SIRUAN – VIDEO

Con Umano torna invece il lato migliore della produzione di Siruan, con una serie di messaggi sparati quasi fossero un’unica frase senza punteggiatura nell’orecchio dell’ascoltatore. Una catena di parole capaci di toccare in pochi minuti una vasta gamma di argomenti, lanciando spunti che si dimostrano sempre pertinenti, equilibrati e quindi efficaci.

Il tutto enfatizzato da uno splendido Lyric-motion video capace di rendere il miglior servizio ad una traccia così importante.

SIRUAN  – UMANO – VIDEO

Gocce arriva dopo due album ufficiali (QUI trovate la nostra recensione dello splendido Finalmente Musica), uno street album e un EP. Siruan si butta in un esperimento che si spinge al limite dell’anticomunicazione, lanciando una vera e propria sfida al pubblico, cercando di stanare solo quello realmente interessato alla sua musica, che dovrà impegnarsi nel seguire la tracce sui canali social di Siruan e andare a cercare nel web le tracce di Gocce.

Una scelta ben precisa che prevede anche lo stop totale alle sue esibizioni dal vivo e il fatto che lui non comparirà nemmeno in video e in foto.

All’interno delle sette tracce spazio anche all’innesto di contaminazioni musicali che non sono da meno a livello di azzardo:  “Ho campionato The Cinematic Orchestra, Yann Tiersen, Odesza, Lindsey Stirling, Wim Mertens, Yanni e Shantam” -spiega Siruan nel presentare Gocce.

La voglia di testare il potere della musica nella sua essenza più pura, volutamente segregata lontano dalle logiche radiofoniche e discografiche, per una produzione che sceglie di non essere commercializzata.

Una decisione netta e coraggiosa per Siruan, anche alla luce dei crescenti riscontri raccolti nel mondo del rap, dove ha collaborato con artisti di rilevo (Inoki, Caneda,…) e in una scena musicale che lo ha visto “sconfinare” in un duetto con Eugenio Finardi nel 2015 con una rivisitazione della storica ExtraTerrestre.

Non ci resta che aspettare e stanare le cinque canzoni rimanenti, certi che le Gocce di Siruan sapranno lasciare il segno in chi arriverà a cogliere il valore simbolico e artistico che porta con sé un progetto del genere.

  Classe 1983, piemontese, su AllMusicItalia per fondere finalmente passione ed esperienze maturate nella musica e nella scrittura, con l’obbiettivo di creare un racconto che possa portare un punto di vista originale su quanto presente nel panorama musicale del nostro paese. Il tutto armato di curiosità, in particolar modo nei confronti dei mille sorprendenti volti offerti dalla musica emergente italiana.
segui su: