GLASS COSMOS, ecco “Liberville”: la ricerca della libertà per la band indie-rock

GLASS

Oggi vi parliamo della band bergamasca dei Glass Cosmos, che si affacciano sulla scena musicale con il loro rock indipendente, bandiera di tutti i loro progetti come Liberville, brano del quale ci presentano il nuovo video, secondo estratto dal disco Disguise of the Species, rilasciato lo scorso luglio.

Liberville è un brano che racconta la ricerca della propria libertà più profonda, attraverso un percorso di emancipazione che, nel video ideato e prodotto dal videomaker Alessio ‘Ivica’ Caglioni, viene narrato utilizzando spunti provenienti da diversi ambiti, che vanno dal “Requiem” di Mozart fino all’immaginario dei bikers, passando per il riferimento geografico utilizzato come titolo del brano (Libreville è la capitale del Gabon), che diventa il luogo ideale dove realizzarsi e trovare la propria personalissima libertà.

Un video molto ben realizzato con la figura del lupo che trasmette la solitudine ma anche la forza necessaria a compiere questo percorso, a supporto di un pezzo che ci mostra efficacemente lo stile di questa band emergente: sincero, forte e diretto, con una vena di malinconia, come sa essere lo sguardo di un lupo. Un pezzo moderno e dal riuscito respiro internazionale a conferma di un talento convincente che la band ha saputo dimostrare nella sua breve carriera.

 

Il chitarrista del gruppo Florian Hoxha, racconta così questo video:

“Il video di ‘Libreville’ si apre con il ‘Requiem’ di Mozart, opera rimasta incompiuta e portata a termine da un altro compositore, che qui utilizziamo come una sorta di viatico verso la fine, verso il passaggio finale che altro non è che una liberazione dalla dannazione. La profonda solitudine del protagonista del video è colta in vari momenti della sua esistenza ed è mitigata dalla sola presenza del lupo (wolf – Wolfgang), un animale che condensa in sé il concetto di solitudine come pochi altri. L’ambiente dei bikers è la cornice in cui si svolge la sua esistenza ed è anch’essa di conforto all’emarginazione. L’uomo solo si allena e la fatica dell’esercizio fisico è la stessa del suo percorso interiore per migliorarsi e trovare quella liberazione che corrisponde appunto a Libreville, la città della libertà ideale cantata nel brano”

 

Il debutto dei Glass Cosmos, totalmente autoprodotto, in questi mesi si è guadagnato l’attenzione della critica e soprattutto del pubblico, testimoniato anche dall’ottimo riscontro del video di Liberville, che va ad affiancarsi a Chrono, primo singolo della band uscito nei mesi scorsi.I Glass Cosmos sono una alternative band formata da quattro elementi provenienti da Bergamo, Frankie Bianchi (voce), Florian Hoxha (chitarra e testi , Francesco Shamble Arciprete (basso) e Matteo Belloli (batteria). Amici di lunga data, che dopo essere stati coinvolti in iniziative musicali di diversa natura, nell’autunno del 2011 decidono di unirsi e di sviluppare un nuovo progetto. Il suono oscilla tra groove energici e potenti aperture di delay e di riverbero che creano un’atmosfera suggestiva e melodica.

Per entrare in contatto con il suggestivo mondo musicale dei Glass Cosmos, potete collegarvi alla loro pagina ufficiale Facebook (QUI).

  Classe 1983, piemontese, su AllMusicItalia per fondere finalmente passione ed esperienze maturate nella musica e nella scrittura, con l’obbiettivo di creare un racconto che possa portare un punto di vista originale su quanto presente nel panorama musicale del nostro paese. Il tutto armato di curiosità, in particolar modo nei confronti dei mille sorprendenti volti offerti dalla musica emergente italiana.
segui su: