Esce oggi “Traslocando – è andata così”, l’autobiografia di LOREDANA BERTE´; il nuovo album a gennaio

traslocando

Loredana Bertè ha deciso di farsi un regalo e, contemporaneamente, di farlo a tutti i suoi fan. Un’autobiografia che sicuramente farà discutere in uscita proprio oggi; un libro in cui si racconta come donna e artista a 360 gradi senza filtri né censure.
Il tutto mentre è ormai giunta al termine la registrazione del nuovo album con cui celebrerà i suoi 40 anni di carriera.

Del nuovo album, prodotto dalla collega Fiorella Mannoia, abbiamo parlato spesso negli scorsi mesi; riassumendo si tratterà di un Best of di duetti tutti al femminile contenente due canzoni inedite: il primo singolo scritto da Ligabue e Il mio funerale, un brano composto dalla stessa Loredana.
Il titolo è nato da un’idea della stessa Mannoia, Amici non ne ho… amiche sì ed uscirà su licenza Warner Music, alcuni duetti del disco siamo già in grado di svelarveli come quello con Fiorella sulle note di In Alto mare, quello con Emma in Non sono una signora e infine con Alessandra Amoroso sulle note di Sei bellissima. Altri nomi coinvolti nel disco sono con certezza quelli di Noemi, Bianca Atzei, Nina Zilli, Paola Turci, Aida Cooper, Antonella Lo Coco, Patty Pravo e Irene Grandi; Inoltre una delle hit sanremesi di Loredana, Amici non ne ho, sarà incisa in una versione corale dalla cantante insieme alle ospiti dell’album.

La data di uscita del disco è stata fissata per il prossimo gennaio e questo ci fa ben sperare su una non partecipazione della Bertè alla gara del Festival di Sanremo; sia chiaro non che non ci farebbe piacere rivedere Loredana su quel palco, ma va detto che Sanremo e il suo pubblico non sono mai riusciti a capire la grandezza di questa artista penalizzandola spesso e volentieri. Quindi ci auguriamo che se Carlo Conti vorrà la Bertè al Festival le dia il posto che le compete, quello di super ospite italiano al fianco degli altri artisti invitati come Laura Pausini e Andrea Bocelli.

Come dicevamo ad inizio articolo però l’album non è il solo modo in cui Loredana festeggerà i quarant’anni di carriera, infatti da oggi è in vendita la sua autobiografia edita da Rizzoli e scritta con Malcom Pagani. Il titolo, Traslocando – è andata così, si rifà ad uno dei dischi cult della cantante, quel Traslocando uscito nel 1982 con la produzione di Ivano Fossati e contenente tra gli altri uno dei cavalli di battaglia della Bertè, Non sono una signora.
Nel libro Loredana racconta la sua vita dall’infanzia ad oggi senza peli sulla lingua affrontando argomenti molto delicati come il rapporto con il padre, la morte della sorella Mia Martini, il matrimonio con Borg e, ovviamente la sua lunga carriera.

Ho sentito che dovevo raccontare le cose io, adesso che sono ancora viva. Non volevo che qualcuno pensasse di poter parlare della mia vita con me morta, e quindi per forza zitta.” ha dichiarato la Bertè a Vanity Fair in un’intervista uscita ieri.
Di seguito la sinossi del libro:

Sono cresciuta con la regola del niente. Niente giocattoli. Niente bambole. Niente regali. Niente ricorrenze. Niente di niente”. È così che può iniziare una vita, in fuga da una stanza senza quadri alle pareti, da una casa senza dolcezza, senza amore, senza infanzia. E allora la voglia di libertà diventa più forte di tutto, più forte del ricatto e di qualsiasi convenzione. Così cominciano le bravate di chi è costretto a rompere le regole con l’esagerazione, gli anni del terzetto Loredana, Mimì e Renato in perenne scorribanda per Roma, in fuga dagli alberghi, calandosi dalla finestra con le lenzuola annodate perché i soldi per pagare il conto non c’erano. Finché arriveranno, inaspettati, i primi successi, ‘Sei bellissima’ e ‘Non sono una signora’, gli incontri straordinari, l’America di Andy Warhol e ritorno. Il grande amore per un bel tennista svedese e il disastro di un altro sogno infranto. Sempre in guerra, sempre in cerca di altri voli. ‘Ma quale musica leggera’! Il palco più difficile è quello di Sanremo, nel 1997, quando Loredana salirà per cantare ‘Luna’, per urlare all’Italia dei canone-paganti la rabbia e il dolore per la morte di Mimì, la sorella maggiore che aveva cercato di proteggerla dall’inferno dell’infanzia e che nessuno era stato in grado di proteggere dalla vita. Sono gli anni del buio, della solitudine che fa più paura, del dolore che spezza il fiato. Se la vita non ha fatto sconti a Loredana, lei non fa sconti in questo racconto, in cui restituisce tutta la brutalità e l’esuberanza della sua vita in perenne ribellione, sempre in bilico tra la tragedia e la farsa“.

Insomma la fine del 2015 e l’inizio del 2016 saranno inevitabilmente caratterizzati dal ritorno sulle scene di una delle artiste più dotate, poliedriche e disarmanti a cui il nostro paese abbia dato i natali. Bentornata Lola!

AGGIORNAMENTO DEL 2 DICEMBRE

La data di uscita di Amici non ne ho… amiche sì è stata confermata; l’album arriverà nei negozi il 15 gennaio.

 

  Cresciuto con la passione per la musica dopo l'adolescenza inizia a frequentare il Music Business. Le sue prime esperienze avvengono nel campo dei fan club, nel corso degli anni ne crea e porta al successo diversi. Col tempo affina le sue capacità in vari settori del campo musicale. Tour manager per Barley Arts, Personal Assistant per Syria, Niccolò Agliardi e, per sette anni, con Gianluca Grignani. Di quest'ultimo scrive anche la biografia Rokstar a metà. Dopo essersi cimentato come produttore con l'ex "Amici di Maria De Filippi, Eleonora Crupi con cui incide quattro singoli portandola a duettare al Mediolanum Forum con Laura Pausini a febbraio del 2014 crea e lancia il sito All Music Italia che, in pochi mesi, diventa una realtà consolidata del panorama dell'informazione musicale sul web, tra i siti leader del settore. Da diversi anni è giudice in diverse manifestazioni musicali tra cui il Coca Cola Summer Festival, in onda su Canale 5.
segui su: