Emma Marrone: quando una foto vale più di una canzone, fan si scaglia contro di lei sui social. Ecco la risposta della cantante…

Emma Marrone

Succede che nella giornata di ieri un fan di Emma Marrone racconta la sua delusione dopo un incontro in cui, secondo quanto afferma il ragazzo, la cantante (in vacanza) lo avrebbe trattato male e con sufficienza. Succede quindi di conseguenza che i fan accorrono sotto al suo post su Instagram e si dividono tra chi difende la cantante, la maggior parte, e chi le dà contro.

Succede che tutto questo dà da pensare, perché a noi sembra il baricentro si sia spostato decisamente troppo in là. La musica, non solo non è più al centro ma semplice contorno, Ma facciamo un passo indietro…

Ecco quello un sunto di quello che il ragazzo ha sentito di postare pubblicamente:

 

Eccoci qua, ma stavolta è diversa Emma, mi fa male il cuore perché non avrei mai voluto che andasse a finire così però adesso hai superato il limite… ho provato a giustificare il tuo ‘carattere’ tantissime volte mentendo forse anche a me stesso ma con tutto il bene del mondo che ho imparato a volerti da 6 anni a questa parte adesso proprio non ho più voglia di seguire un’artista e in quanto tale un personaggio pubblico ma forse tu cara Emma hai dimenticato che sei un personaggio pubblico pure quando sei in vacanza e non solo quando sei in tv a fare bei discorsetti…“.

Canti e parli sempre tanto del rispetto ma tu neanche sai cos’è perché sei in vacanza è vero ma è inevitabile che la gente ti riconosca e ti chieda foto e autografi e tu non puoi trattare tutti con vero e proprio sdegno, è già triste che tu lo faccia con le persone comuni che ti vedono per caso una volta nella vita e poi basta, ma che tu lo faccia con persone che ti seguono da anni è proprio triste!

Ma lo sai quanti sacrifici ho fatto per vederti? Quanti soldi ho speso in sei anni? Quante file sotto il sole a 40 gradi? Quanti litigi con persone che non capivano quando mi facesse bene la tua musica, la tua forza!?”

Da questo punto in poi il post continua sottolineando che Emma non vuole essere baciata o abbracciata e poi segue il racconto dettagliato di come sia stata maleducata e scocciata durante quest’incontro che ha portato ad una foto sfocata. Il tutto lo potete trovare qui se sentite il bisogno di approfondire.

La notizia ha iniziato a fare il giro del Web quando Trash Italiano, oltre che riportarla, ha deciso di intervistare (?!?) Marco, questo il nome del ragazzo 18enne, per farsi confermare quanto dichiarato sulla propria pagina.

LA RISPOSTA DI EMMA

Ieri sera Emma attraverso le proprie stories ha dato la propria risposta:

Leggere certe cazzate mi mette tanta amarezza. Sono una persona prima di tutto e quando si esagera non posso stare zitta. Ormai il giochetto è scrivere merda sulle persone per attirare attenzione. Non ci sto, mi dispiace. E lo testimoniano le innumerevoli foto con chiunque in qualsiasi situazione e condizione. Se poi non basta mai allora non è un problema mio. A 34 anni so bene chi sono e che educazione ho ricevuto. Mi dispiace ma non me lo merito.

Quindi la cantante ha pubblicato un collage con alcune foto fatte con questo fan nel corso del tempo in diverse situazioni aggiungendo:

Comunque per chiudere in bellezza. Hai ragione ragazzo mio! Ti ho sempre maltrattato e ti ho sempre negato una foto. Avanti il prossimo.

LA NOSTRA OPINIONE

Solitamente sul nostro sito ci si limita a riportare notizie. Questa però non è una news musicale ma un episodio che merita di essere analizzato brevemente in quanto rappresentativo di come la musica, anno dopo anno, sia passata sempre di più in secondo piano rispetto alla popolarità.

Onestamente troviamo discutibile l’uso dei social per “denunciare” qualsiasi cosa con una mentalità simile a “adesso ti faccio vedere io…“. Ancora più discutibile secondo noi è dare spazio ad un ragazzo di 18 anni arrabbiato che, nonostante abbia già diverse decine di scatti con Emma ( e con tanti altri cantanti) scrive cose come “ho provato a giustificare il tuo carattere…” o tutta una parte in cui rinfaccia all’artista di aver speso tanti soldi per dischi, concerti e quant’altro.

Ecco c’è qualcosa che oggi come non mai sfugge a chi ascolta musica… questo è uno stupido ricatto morale a cui i cantanti non possono sottostare, il sottinteso “Tu sei lì perché ti ci ho messa io…“, “Tu guadagni tanti soldi perché io compro i tuoi dischi e vengo ai tuoi concerti…“, “Io ti ho difesa quindi ti voglio bene…”,”Io faccio questo, tu devi fare quest’altro per me…“, rappresenta la bassezza in cui la musica è sprofondata oggi.

La musica dovrebbe dare emozioni, unire le persone, farci piangere quando ne abbiamo bisogno e sorridere quando non abbiamo tanti motivi per farlo, a volte addirittura guarire. Quello che noi diamo acquistando dischi o biglietti dei concerti lo riceviamo indietro in musica, questo dovrebbe essere “lo scambio”. Solo questo, il resto è tutto un di più, piacevole per carità, ma non un obbligo.

Purtroppo questo è anche il frutto di una generazione cresciuta con l’influenza dalla tv che ha contribuito a creare miti facendo credere che debbano per forza essere raggiungibili, è il frutto di un’epoca musicale in cui discografia, per riuscire a vendere dischi con certezza, organizza firmacopie in cui l’artista si presta (a volte volentieri, altre meno) a fare una foto in cambio del cd acquistato.

Bisogna cercare di fare un passo indietro o almeno di provare a frenare un po’ questa corsa briglie sciolte. essere un personaggio pubblico vuol dire semplicemente essere riconoscibili dalle persone, non avere l’obbligo di essere sempre disponibili con tutti.

Un cantante crea musica e il suo scopo dovrebbe essere quello di fare belle canzoni, non di compiacere ogni capriccio del pubblico, non di essere sempre sorridente, non di fingere di essere un manichino disposto ad essere preso e girato sempre in direzione di uno smartphone. Non è una gara e, in caso lo fosse, non è certamente una gara a chi è più gentile, disponibile e sorridente.

La musica, proviamo a rimettere al centro la musica.

 

 

 

  Cresciuto con la passione per la musica dopo l'adolescenza inizia a frequentare il Music Business. Le sue prime esperienze avvengono nel campo dei fan club, nel corso degli anni ne crea e porta al successo diversi. Col tempo affina le sue capacità in vari settori del campo musicale. Tour manager per Barley Arts, Personal Assistant per Syria, Niccolò Agliardi e, per sette anni, con Gianluca Grignani. Di quest'ultimo scrive anche la biografia Rokstar a metà. Dopo essersi cimentato come produttore con l'ex "Amici di Maria De Filippi, Eleonora Crupi con cui incide quattro singoli portandola a duettare al Mediolanum Forum con Laura Pausini a febbraio del 2014 crea e lancia il sito All Music Italia che, in pochi mesi, diventa una realtà consolidata del panorama dell'informazione musicale sul web, tra i siti leader del settore. Da diversi anni è giudice in diverse manifestazioni musicali tra cui il Coca Cola Summer Festival, in onda su Canale 5.
segui su: