DI MICHELE e CORUZZI cantano “Je suis comme une fenêtre” dopo gli attentati di Parigi. Il ricavato delle vendite andrà a EMERGENCY

coruzzi_di_michele_je_suis_une_fenetre

Gli ultimi fatti di Parigi hanno scioccato non poco le nostre coscienze: avvertire l’alito gelido della guerra a un passo da noi, sapere del sangue impunemente versato dei nostri fratelli francesi e conoscere il timore di poter rivivere, da un giorno all’altro, le stesse scene in una delle nostre città… Come potrebbe il mondo dell’arte e della musica italiana non reagire a un simile stato di emergenza? C’è chi preferisce spegnere il microfono e annullare tutte le date del tour europeo come la coraggiosa Carmen Consoli, chi condanna gli attentati esprimendo solidarietà e rabbia sui social (e i nomi si sprecano, ve li abbiamo elencati in un articolo che potete rileggere QUI). E c’è chi, infine, prova a rompere il silenzio, offrendo in cambio il tepore di una melodia, nel modo che conosce. Perché in fondo, come qualcuno ha detto, la musica ci salverà tutti.

Così, è arrivata su iTunes la versione francofona del brano portato in gara allo scorso Festival di Sanremo dal duo composto da Grazia Di Michele e Mauro Coruzzi: si tratta di Je suis comme une fenêtre, nella fedele traduzione dal titolo italiano Io sono una finestra.

copertina_je_suis_come_une_fenetre

All Music Italia vi invita a non lasciarvi sfuggire questo riadattamento del singolo, curato nella nuova stesura del testo dall’attrice Catherine Spaak: come atto solidale nei riguardi del popolo francese e rispecchiando gli intenti del progetto, l’intero ricavato delle vendite digitali sarà infatti devoluto in beneficenza. In particolare, il destinatario ultimo della somma raccolta sarà Emergency, associazione umanitaria fondata da Gino Strada, che da tantissimi anni opera nel mondo, offrendo cure mediche e chirurgiche gratuite alle vittime della guerra e della povertà. La stessa associazione presso la quale aveva prestato servizio volontario anche Valeria Solesin, la giovane italiana rimasta uccisa nell’attentato di Parigi.

Sull’iniziativa già in atto, la cantautrice Grazia Di Michele si è espressa con queste parole: 
“Ci sembra particolarmente importante che il messaggio veicolato dal brano possa raggiungere il maggior numero di persone, tanto più quei Paesi in cui l’uguaglianza tra le persone e la promozione dei diritti umani sono ancora un’utopia. Siamo convinti che l’integralismo, infatti, non si combatta con le guerre, ma al contrario proprio con l’affermazione dei valori della pace”.
 (Fonte: http://www.graziadimichele.com)

Quanto al testo – già vincitore del Premio Lunezia per il suo valore letterario – nella sua versione originaria è scritto dalla Di Michele con Raffaele Petrangeli e incarna un duro attacco al pregiudizio: nello svolgimento delle strofe, i due artisti traducono in musica il travaglio, lo stupore e la consapevolezza di un’anima che si trova al cospetto di se stessa, buttando giù i muri dell’abitudine e della paura del diverso. L’arrangiamento è stato firmato da Paolo Di Sabatino.

E questo è l’audio di Je suis comme une fenêtre, non mancate di acquistare e diffondere il nuovo singolo per sostenere Emergency e i valori della pace! Buon ascolto.

  Salentino, studio Lettere (curriculum classico) all’Università e la Lingua dei Segni italiana presso l’ENS di Lecce. Già blogger occasionale per “un Filo-Blues” (all’interno di 20centesimi.it) e membro dell’Osservatorio Musicale Salentino, nato a seguito di un corso di critica musicale dell’Università del Salento. La mia vocazione è il canto, in più suono il pianoforte e mi piacciono molto la black music, il cantautorato – amore profondo per quello un po’ stagionato! – e gli strumenti dalle sonorità naturali, come l’armonium.
segui su: