Dal 2016 la FIMI classifica anche i vinili: MARCO MENGONI il re della prima settimana

marcomengoni

Da quest’anno alle classifiche di vendita dedicate agli album fisici, ai singoli digitali e alle compilation redatte dalla FIMI/GfK, si affiancherà una nuova classifica riguardante l’acquisto dei vinili.

Un formato tornato in voga negli ultimi anni, che sebbene non raggiunga i volumi di vendita degli album (a novembre 2015 si attestava attorno al 4% del mercato, con un importante incremento del 74% rispetto all’anno precedente), si sta ritagliando un importante spazio nelle abitudini d’acquisto dei fruitori di musica.

La classifica annuale del 2015, rivelata da FIMI quest’oggi, vede la presenza quasi a senso unico di due gruppi storici: i Led Zeppelin e i Pink Floyd, con Jovanotti unico italiano in top ten:

1) Rattle That Lock – David Gilmour

2) Lorenzo 2015 CC. Jovanotti

3) The Dark Side Of The MoonPink Floyd

4) Led Zeppelin IVLed Zeppelin

5) The Wall Pink Floyd

6) Led Zeppelin IIILed Zeppelin

7) Wish You Were HerePink Floyd

8) The Endless RiverPink Floyd

9) The Division BellPink Floyd

10) Led Zeppelin Led Zeppelin

La prima classifica del 2016 presenta invece una più ampia presenza di artisti nazionali con Adele dietro a Marco Mengoni in vetta grazie al suo ultimo lavoro discografico Le cose che non ho, che ha conquistato ben due dischi di platino in sole tre settimane nel formato album.

Trovano spazio anche due album cult della musica italiana: Buon compleanno Elvis di Ligabue e Così com’è degli Articolo 31.

1) Le Cose Che Non HoMarco Mengoni

2) 25Adele

3) Endkadenz VOL.2Verdena

4) A Head Full of DreamsColdplay

5) Random Access Memories Daft Punk

6) Buon Compleanno ElvisLigabue

7) Rattle That Lock David Gilmour

8) Così Com’è Articolo 31

9) The Wall Pink Floyd

10) Back to BlackAmy Winehouse

  Laureando in giornalismo, cantante per vocazione, responsabile Officina del Talento qui su All Music Italia, speaker per Radio Stonata, redattore per Eurofestival News. Un ragazzo multitasking direbbero gli inglesi, poiché non riesco a fare una sola cosa in un solo momento. Sento l’esigenza inconscia di incasinarmi la vita con troppi impegni nel mondo della comunicazione e tutti rigorosamente legati alla musica. Vivo costantemente alle prese con file mp3, video Youtube, status su Facebook, hashtag su Twitter, post nei forum. Ma appena possibile stacco il cervello, butto due cose in valigia e parto alla scoperta del mondo.
segui su: