L’album “Pulviscolo” segna l’esordio da solista di COLOMBRE

colombre

È già voce, chitarra e autore dei brani della band indie-pop Chewingum, e ora è pronto a cimentarsi in un nuovo progetto da solista. Stiamo parlando di Colombre (Il nome Colombre è un omaggio al racconto di Dino Buzzati, Il Colombre), una favola moderna – protagonisti un marinaio e un mostro marino – che parla dell’incapacità di affrontare le proprie paure, di tuffarsi nelle ignote profondità del mare per scoprire cosa ci lega all’immobilità. Il suo primo album da solista, Pulviscolo, uscirà il prossimo 17 marzo.

Il suo vero nome è Giovanni Imparato, e Pulviscolo è un percorso circolare definito ma che riesce a generare mille diramazioni fra i suoni più cari all’artista di Senigallia. Su una linea melodica prepotentemente pop si aprono improvvisi squarci di noise, come in alcuni tratti di Fuoritempo, brano che si chiude con un accenno di psichedelia. Una coda che rivela la scelta di Colombre di registrare l’album in presa diretta, senza cuffie né click, affinché “le canzoni oscillassero come le onde del mare”.

Una canzone schizofrenica è invece Blatte, cantata insieme a IOSONOUNCANE, brano sulla delusione generata dalla scoperta dell’ipocrisia in continua oscillazione fra un’atmosfera sonora alla Mina e un testo rude, ai limiti del punk, che trova la sua conclusione nell’immagine ripugnante delle “blatte che si nascondo in casa tra i panni sporchi”. Ma Colombre è capace di improvvisi cambi di registro e allora eccoci davanti ai versi cosmicamente romantici di Dimmi tu, atto d’amore per la sua compagna Letizia e per i Talking Heads, fra chitarrine funky e easy listening. E se il riferimento chiaro di un brano come TSO è il celeberrimo omaggio che i Pink Floyd dedicarono all’amico e compagno Syd “diamante pazzo” Barret, Colombre esplora sonorità più calde in Sveglia, dialogo con la propria coscienza che musicalmente esprime una vera passione per Caetano Veloso.

I conti con se stesso Colombre li fa anche fra i versi di Bugiardo, a chiusura della introspezione e prima dell’ultimo brano dell’album che idealmente si riallaccia a quell’iniziale Pulviscolo da cui tutto ha preso il via: “E se hai sbagliato mille volte/sentendoti fallito/sai che un nuovo oceano/sta nascendo in Africa/da un deserto/prova a volerti bene/senza aculei/te lo meriti/tieniti stretta la tua diversità/e non avere paura” canta in Deserto.

Colombre vola sognante, come Drugo ne Il Grande Lebowski. Ma anziché guardare dall’alto i sobborghi di Los Angeles, ripercorre ricordi ed esperienze, senza nostalgie e con un sorriso rivolto all’orizzonte. Fra chitarre, omnichord e tastiere di ogni genere, Colombre, che qualcuno ha già definito il Mac DeMarco in Hi-fi, gioca con gli strumenti fino a utilizzare un organetto Bontempi comprato a una fiera per bambini, effettato poi in un Chorus Boss EnsEmble di primi anni ‘90.

colombre

Ricordiamo infine che sono confermate le prime date live del tour: si parte il 18 marzo da Roma al club Le Mura per proseguire il 24 marzo a Firenze, il 31 marzo a Trento, il 1° aprile a Udine, il 7 aprile a Foligno (Pg), l’8 a Carpi (Mo), il 14 a Lunano (Pu), il 15 a Milano, il 21 a Bassano Romano (Vt) e il 28 aprile a Bologna.

Articolo di Luca Aveta per All Music Italia
Foto di Gabrielle de Polignac

  
segui su: