CHILAFAPULISKA feat. LENE: “Se domani” è l’inno ska alla speranza della band abruzzese (VIDEO)

Chilafapuliska2015_posa

Lo spazio delle nostre nuove proposte oggi ospita la band ska dei Chilafapuliska, in occasione del lancio di Se domani, nuovo singolo che vede una collaborazione con l’emergente Lene. Un assaggio dello stile del collettivo abruzzese che il prossimo 3 febbraio rilascerà il nuovo album intitolato Antica terra del dubbio.

Il brano scelto per presentare il nuovo progetto discografico dei Chilafapuliska è uno spunto di riflessione sulla possibilità di realizzarsi nella vita senza scendere a compromessi con la propria natura, nel difficile duello che le nuove generazioni affrontano quotidianamente tra la necessità di costruirsi un’importante carriera professionale e la possibilità di vivere un’esistenza autentica, che permetta di non disinnamorarsi di se stessi e delle persone che ogni giorno incrociamo anche solo con lo sguardo. La paura, la difficoltà ma soprattutto la speranza data dalla consapevolezza che ci sia sempre un “domani”, una pagina bianca ancora da scrivere in un futuro ignoto ma carico di nuove opportunità da cogliere con coraggio, senza dimenticare che “ogni corsa incessante consuma lentamente il mondo e lo lascia senza fiato, svuotando il senso stesso della folle corsa e privando di ossigeno un’umanità da godere a polmoni spalancati”.

Un pezzo carico di significato che porta fiato alle trombe dei Chilafapuliska, protagonisti di questa canzone con il proprio stile e avvalendosi del featuring della giovane voce femminile di Lene, coprotagonista con la band del video ufficiale girato per accompagnare il lancio di Se domani.

 

 Se Domani – VIDEO – CHILAFAPULISKA feat. LENE

 

 

Uno stile capace di rispettare la tradizione ska senza rinunciare all’innovazione, attraverso un lavoro di contaminazione di un suono raggaeggiante con echi swing che rendono ancor più piacevole l’ascolto di Se domani, esempio lampante del potenziale di un giovane gruppo impegnato in una produzione musicale che prevede la messa in musica di temi legati all’attualità e al contesto sociale spesso amaro, senza mai rinunciare ad una massiccia e sana dose di ironia.

Il progetto Chilafapuliska nasce nella calda estate del 2007 in Abruzzo, da loro ribattezzata la “East Coast” italiana. La band – originariamente composta da dieci musicisti provenienti da dieci progetti differenti – ha iniziato da subito a comporre musica originale. Dopo un primo EP autoprodotto inizia un periodo di intensa attività che culmina in Mo(l)to sexy quasi hard. Il disco porta la band a farsi conoscere ad un pubblico più ampio e a solcare numerosi palchi in tutta Italia, collezionando prestigiose esperienze live con realtà musicali quali Vallanzaska, Matrioska, Radici nel Cemento, Le Braghe Corte, Redska, Skarabazoo, Carry All, Alborosie, Assalti Frontali, Easy Skankers, Radio Babylon, Folkabbestia, Statuto, Jamafrica, NoBraino. Nell’inverno 2014, dopo aver cambiato parte della formazione originale, i Chilafapuliska entrano in studio per registrare il nuovo disco Antica terra del dubbio. Nei brani si sentiranno influenze reggae, punk, elettroniche, in una miscela esplosiva di pura energia. La formazione attuale prevede Lorenzo ilari (voce e chitarra), Andrea Sicuso (batteria), Michele Ilari  (basso), Marco La Fratta (chitarra e cori), Ercole Ranalli (tastiere), Francesco Sciascia (sax tenore), Simone Smargiassi  (sax contralto) e Domenico Di Francesco (tromba).

Per conoscere meglio il mondo musicale dei Chilafapuliska vi invitiamo a seguirli su Twitter (QUI)  o sulla loro pagina ufficiale Facebook (QUI). Se invece siete incuriositi dal talento vocale e dall’energia di Lene potete avere maggiori info sulla giovane artista cliccando QUI.

  Classe 1983, piemontese, su AllMusicItalia per fondere finalmente passione ed esperienze maturate nella musica e nella scrittura, con l’obbiettivo di creare un racconto che possa portare un punto di vista originale su quanto presente nel panorama musicale del nostro paese. Il tutto armato di curiosità, in particolar modo nei confronti dei mille sorprendenti volti offerti dalla musica emergente italiana.
segui su: