BUGO firma per CAROSELLO RECORDS

Bugo

Firmare un contratto discografico è un po’ come morire” così Bugo (Cristian Bugatti) postava sulla sua pagina ufficiale Facebook lo scorso 5 febbraio.

Il cantautore piemontese è fresco di firma del contratto con la Carosello Records, etichetta indipendente che annovera tra gli altri, artisti del calibro di Skunk Anansie ed Emis Killa. L’annuncio arriva in contemporanea all’inserimento del suo volto fra i 100 della musica italiana, nella speciale galleria fotografica celebrativa targata Giovanni Gastel per Rolling Stones.

Dopo tanti anni di musica, a partire da fine anni ’90, sette dischi di inediti, il primo del 2000 intitolato Pane, pene, pan, l’ultimo targato 2011 Nuovi rimedi per la miopia, qualche passaggio televisivo e cinematografico (come attore e compositore di colonna sonora), Bugo approda alla Carosello per la pubblicazione della sua ottava opera.

bugo_carosello

Cantautore sperimentale non catalogabile con una sola definizione, è uno degli esponenti in Italia del folk rock e del rock elettronico, oltre ad essere artista a tutto tondo.

Nelle sue canzoni scrive di storie di quotidiana alienazione metropolitana, inserendo suoni innovativi ed a volte retrò, utili per enfatizzare al massimo quanto espresso con le parole.

Fammi entrare, per favore, nel tuo giro giusto, ho bisogno di socializzare, di uscire dal mio guscio” cantava Bugo in Nel giro giusto e continua Devo uscire dalla mia alienazione, ti chiedo se mi fai promozione, una buona parola per conoscere gli altri, che mi sembrano più felici di me.

La grande casa discografica è arrivata ora dovrà confermarsi come cantautore eclettico ed innovativo.

  Blogger qui su All Music Italia quasi per caso, ma soprattutto per passione e dedizione. Lascio dar sfogo alla mia tastiera per poter trasmettere quello che sento. Fin da piccolo, grazie ai miei genitori, ho sempre ascoltato molta musica italiana, Sanremo... un appuntamento da anni. Mi piace scrivere di musica per capire le contaminazioni, le connessioni tra i vari artisti, stili ed influenze del momento e non. Considero la New Generation come un foglio bianco su cui scrivere con fermezza musica e parole per il futuro. Buona Musica!
segui su: