ANANSI: “Peace/Shalom/Salaam”, la canzone ispirata dal conflitto israelo-palestinese

anansi2

Anansi, il giovane cantautore che in questo periodo è impegnato con l’Inshallah Tour per promuovere il nuovo album e l’ultimo singolo estratto Preferisco il blues (ve ne avevamo già parlato), ha pubblicato un inedito brano sul proprio canale Soundcloud.

Peace/Shalom/Salaam, questo il titolo, un brano dalle sonorità Reggae, cantato in ingese. Il testo parla del conflitto israelo-palestinese.

Anansi ha dichiarato di aver iniziato a scrivere questo pezzo qualche anno fa, ma senza riuscire mai completarlo. Invece adesso, spinto o ispirato dagli ultimi tristi avvenimenti della Striscia di Gaza l’ha finalmente concluso e pubblicato.

Ho scritto questo pezzo sul conflitto israelo-palestinese qualche anno fa, ma non ho mai avuto l’occasione di completarlo né di pubblicarlo finora. L’ho finalmente ultimato e registrato in questi ultimi giorni spinto da ciò che sta succedendo nella striscia di Gaza “, scrive sulla sua pagina ufficiale Facebook.

anansi1

Non lasciate che la religione crei divisione nella vostra regione
Non lasciate che la guerra e i conflitti prendano il controllo della vostra mente
Non lasciate che la religione sia la ragione di questa situazione
L’odio renderà tutti ciechi

Questa la traduzione del ritornello del brano.

Di seguito il testo integrale:

Don’t let religion make division in your region
Don’t let war and strife take control of your mind
Don’t let religion be the reason of this situation
Hatred will make everybody blind

Screams and gunshots echo through the streets of Jerusalem
Me a wonder who or what will be able to stop them
Lives take other lives, men kill other men
People realize you can make this struggle end
Holy Land for each and every man
Where the foe becomes a friend
Where no one will pretend
Now we haffi hold our hands and take a stand
And defend our plan
We’re still in time to make this struggle mend or rather end
Again

Don’t let religion make division in your region
Don’t let war and strife take control of your mind
Don’t let religion be the reason of this situation
Hatred will make everybody blind

So, stop the fight and we’ll see the light
Brightening up the night and we’ll stand upright again
Stay where you deh pon, just refuse dem weapons
Never let your dreams be trampled on by dem guns
Drop the Uzi, just refuse it
Make up you mind and then use it
Peace or violence, you choose it
You have the power, don’t you lose it
Let’s get together and find the solution
And don’t let it be another fleeting illusion
We’ll find our way in this ya mental pollution
Stay awake, don’t fall in confusion
Well then

Don’t let religion make division in your region
Don’t let war and strife take control of your mind
Don’t let religion be the reason of this situation
Hatred will make everybody blind

From West Bank to Gaza
Situation’s critical and now it’s getting harder
Tell me now who’s the criminal, who is the coward
Time to start the riot, time for Intifada
With clean heart, clean conscience even when tings go sour
Dis a no fiction, a no drama
Real ting weh me talk ‘bout, real war, real disaster
Hatred and grudge are turning people into monsters
Innocent children versus the war masters

Don’t let religion make division in your region
Don’t let war and strife take control of your mind
Don’t let religion be the reason of this situation
Hatred will make everybody blind

Sostieni la Musica Italiana e AllMusicItalia acquistando la copia originale dell’ultimo album di ANANSI in formato digitale su Itunes
o il cd su Amazon

  Laureato in “Arti e Scienze dello spettacolo”, attualmente frequento il Corso di Laurea Magistrale “Professioni dell’Editoria e del Giornalismo“. Grande appassionato di TV e Musica non mi perderei un Festival di Sanremo per niente al mondo. Prediligo il pop italiano e mi appassionano gli artisti emergenti. Domani vorrei essere un giudice di X-Factor. Scrivere è quello che mi riesce meglio. Segretamente aspirante paroliere.
segui su: