Tutti in piedi sul divano per tifare VALENTINO ROSSI e cantare con ALESSANDRO COSIMINI

Processed with Moldiv

Qualche giorno fa, grazie al mio amico Silvio, mi sono imbattuta in un video dal sound molto accattivante che se poi aggiungi che noi siamo italiani praticamente solo con la Nazionale di calcio e Valentino Rossi, il gioco è fatto.

Ancora di più ora che Vale, il Dottore, il numero 46, uno dei più grandi piloti di moto di sempre, palese anche agli occhi di una come me che distingue giusto giusto una moto da un cinquantino, è lì ad un soffio dal conquistare un altro titolo mondiale all’alba dei capelli bianchi. Che a noi ci piacerebbe che fosse lui a vincere perché è italiano, perché ha iniziato a vincere che eravamo giovani e vince ancora, quindi non è poi passato chissà quanto tempo, quindi siamo giovani ancora.

Che poi quel calcetto chissà se Valentino gliel’ha dato infondo all’altro tizio che non mi ricordo neanche come si chiama… che poi lui era quello che da ragazzino sfotteva Max Biaggi ed ora non ci sta ad essere lui quello sfottuto, ma è un’altra storia.

Oggi siamo qui a tifare Italia, come nel 2006 eravamo tutti con il cuore in Germania a segnare quella notte magica. Oggi siamo tutti a Valencia, lap dopo lap a dare tutto il gas che c’è nel nostro cuore. Perché siamo italiani fino al midollo (se non abbiamo altri impegni). E Alessandro Cosimini ci ha fatto un rap, ci ha fatto un video che ripercorre in musica e immagini tutta la carriera. Eccolo perché a me che seguo lo sport tramite i miei colleghi che ne parlano in ufficio è piaciuto e mi ha fatto scendere la lacrimuccia.

Quindi: tutti in piedi sul divano a cantare con Ale! Se non vi va di tifare per Valentino Rossi, mica siamo un portale di sport noi, noi parliamo di musica! Quindi… fate quel che volete!

Un’ultima cosa: Ale, come si intitola questa canzone? Vale c’è?

ALESSANDRO COSIMINI – TRIBUTE SONG a VALENTINO ROSSI

Vostra… in piedi sul divano
Mosca Tze Tze

  Sono una mosca. Sono una mosca che ronza sulla musica e sono qui per disturbare. Perché nella musica mica si possono fare solo complimenti… e perché l’ironia ci sta un po’ su tutto. Vivo a Milano da sempre, ma volo ronzando per tutto lo stivale… e pungo! Tze Tze
segui su: