Tiziano Ferro anche te come me rosichi che nessuno ti ha detto “Bravo!” al karaoke

tiziano ferro karaoke

Tiziano Ferro era in Portogallo.

Tiziano Ferro ha cantato al karaoke.

Nessuno ha riconosciuto Tiziano Ferro che cantava al karaoke in Portogallo.

Questa è la premessa della storia.

Questa è la storia.

Caro Tiziano.

Ti scrivo questa lettera per farti sapere quanto io ti sia vicina in questo triste momento.

Anche io sabato sera sono andata al karaoke (con #ilmioamicodirettorediallmusicitalia per la cronaca). Anche io sabato sera ho cantato al karaoke. Anche io non sono stata riconosciuta da nessuno (e nemmeno #ilmioamicodirettorediallmusicitalia per la cronaca).

Ma una differenza tra te e me c’è. Almeno i miei amici hanno finto di ascoltarmi, i tuoi dov’erano? Perché passi che nessuno ti abbia riconosciuto (ad Albufeira io ci sono stata nel 2006, per la cronaca), ma secondo me dai un po’ ti rode che nessuno ti abbia proprio cagato di striscio.

A parte quei due che passano di lì e sembrano due attori che ti guardano perplessi. Nessuno che ti abbia detto, come già successe ad altri cantanti quando il karaoke era in voga, “sei proprio bravo, dovresti fare il cantante!“.

Tutti nel locale continuano a vociare nella totale indifferenza della tua performance, la performance di un noto cantante internazionale calato improvvisamente (e solo per qualche minuto) in quell’anonimato in cui io mi crogiolo ogni giorno.

Che poi diciamola tutta, non è che hai cantato proprio benissimo! Cioè, pathos zero, trasporto zero… cioè, ma era la prima volta che cantavi Ordinary People di John Legend o l’avevi già provata in cameretta?

Intanto io mi sto ascoltando l’originale… che è meglio!

JOHN LEGEND – ORDINARY PEOPLE

Ma sai una cosa? A me sembra tutta una messa in scena… non mi convincono per niente i due uomini che ti passano dietro… uno indica la TV dove passa il testo, poi guardano in camera… secondo me ci stai perculando tutti… secondo me ma si sa, io sono una mosca e so solo pungere a caso.

Vostra canterina
Mosca Tze Tze

  Sono una mosca. Sono una mosca che ronza sulla musica e sono qui per disturbare. Perché nella musica mica si possono fare solo complimenti… e perché l’ironia ci sta un po’ su tutto. Vivo a Milano da sempre, ma volo ronzando per tutto lo stivale… e pungo! Tze Tze
segui su: