BARBARA D’URSO esperta di musica intervista MORENO: sei un ragazzino!

moreno-barbaradurso

Moreno vs Barbara D’Urso, o meglio Barbara D’Urso vs Moreno.

‘sta cosa l’ho letta su internet, perché io la domenica pomeriggio non guardo la TV… e non guardo la Barbara D’Urso. Niente contro di lei, non so neanche se mi piace o no, perché non ho mai visto un suo programma, forse neanche la guardavo quando conduceva il Grande Fratello. Non mi ricordo!

Beh… cosa è successo tra la Barbi e Moreno?

Da quel che leggo sul web, Moreno domenica era ospite in TV e la D’Urso l’ha intervistato. L’ospitata è iniziata con un servizio di Serena Garitta (ex GF) che non vedevo in giro dalla sera di 3 anni fa (credo) in discoteca a Formentera quando, senza scarpe e un po’ alticcia, ha cercato a tutti i costi di farci fare una lezione di aerobica sulla sabbia. Ma dopo 9 chupiti (per i più sobri, gli altri non so), forse sarebbe stata più adeguata una lezione di zumba fitness!

Ll’ex insegnante di aerobica gieffina è andata in giro per Genova ad intervistare le signore del mercato facendo cantare loro dei brani di Moreno… è risaputo che le pensionate (e chi, se non loro, ha tempo di andare al mercato al mattino?) sono le maggiori fruitrici del genere rap!

Passata l’inutilità di questo servizio, si arriva all’intervista vera e propria nella quale la Barbi definisce ripetutamente Moreno piccoletto e ragazzino.

Ammetto che anche ai miei occhi i 25enni sono ragazzini, ma solo perché, se li considerassi ragazzi (o peggio ancora uomini), avrei un forte problema di identità nel definire me stessa alle soglie dei 40. Con lo stesso metro di misura, quello della mia amica Sara quando si faceva chiamare Sarah e aveva 17 anni (a 40 anni si era andati… vorrei richiederglielo adesso), la Barbi che di anni ne ha quasi 58, potremmo definirla dolce vecchietta. Non so quanto ne gioirebbe! E non mi venire a dire che non sei in menopausa che non ci credo!!!

E poi piccoletto perché è basso? È una colpa essere bassi? Io vorrei essere 5 centimetri in meno e non ci posso fare niente… quindi suppongo che anche lui, se potesse scegliere, magari qualche centimetro in più lo vorrebbe volentieri (chiedete al calciatore Sebastian Giovinco se non piacerebbe anche a lui), ma non ci si può fare niente. Chi è basso rimane basso e chi è alto rimane alto. Gli altri stanno nel mezzo.

E pur essendo piccoletto…ti dà fastidio se ti definisco così? In fondo hai 25 anni, sei un ragazzino…Dicevo, pur essendo piccoletto, sul palco di Sanremo sei stato proprio bravo, sai? Ti ho seguito, avevi una grinta…Sembrava avessi 80 anni!

Ecco!!! Gli ha pure dato del vecchio!!! Barbi, pensa che Moreno, quello che a te ti è sembrato un 80enne, potrebbe essere tranquillamente tuo figlio, anzi, l’avresti avuto anche da vecchia come figlio, dopo i 30 che, lo sappiamo tutti, è tardi per figliare. Quindi, se lui è vecchio, tu lo sei ancora di più!

Moreno inizia a farmi simpatia. Premetto che, per questioni generazionali, non ho mai ascoltato con grande attenzione la sua musica, nonostante apprezzi il genere, ma ascolto cantanti che sono anagraficamente vecchi come me, perché loro rappresentano il mio mondo.

Io credo che sia stato un po’ sfigato… per quanto sfigato possa essere definito uno che, di mestiere, fa ciò che molti smettono di sognare di fare già a 8 anni, quando capiscono che la paghetta data dal papà non basta ad arrivare a fine mese. Moreno è il frutto di una serie di scelte… poco convenzionali per il suo background.

Moreno inizia la sua carriera partecipando a concorsi musicali, nel freestyle vince Tecniche Perfette e vorrei vedere la Carmela ad improvvisare rime come se la cava. Nel 2012 approva in TV arrivando in semifinale a MTV Spit e la TV è l’inizio della fine per lui.

Già, perché conquista il pubblico di Amici che gli fa vincere l’edizione 2013 quando la Maria De Filippi ha scoperto l’esistenza del rap, ma si sa, il pubblico del talent è una banderuola durante una tempesta imperfetta: cambia direzione ad ogni folata di vento. Come me, quando a settembre guardo il sito della CW e decido a quale serie TV appassionarmi in base al belloccio che mettono come protagonista (tranne The Vampire Diaries, per ora Ian Somerhalder mantiene saldo il suo primato nonostante si sia ormai alla season 6).

Ma andare da Maria, che nulla ha a che vedere con la Maria cantata da J-Ax, l’ha fatto, in un certo senso, ripudiare dal pubblico del rap.

A dimostrazione di ciò, ecco cosa diceva Emis Killa al Messaggero TV in un’intervista:

Lui è un bravo ragazzo, lo conosco da molti anni, ricordo il suo passato da freestyler, in cui era molto bravo. Oggi, tralasciando i giudizi di gusto (non sono io a dover giudicare se il suo disco è bello o brutto), dico che purtroppo o per fortuna ha fatto la scelta di andare in un talent show e automaticamente – penso che lo sappia anche lui – ha perso di credibilità agli occhi di quelli che rappresentano il mondo del rap, underground e non.

Così, in poco tempo, si è trovato dalle stelle (della popolarità) alle stalle (di una carriera da ricostruire). Già, dopo i successi di Stecca, Incredibile ha dei risultati tutt’altro che incredibili… al punto che, a quasi un anno di distanza dalla pubblicazione, Moreno si gioca pure la carta di Sanremo e della riedizione dell’album.

Sanremo… l’avevo già scritto che Sanremo porta sfiga ai rapper, ma non mi ascolta mai nessuno… e, in quell’articolo, esprimevo anche le mie perplessità del presentare un brano rap suonato dall’orchestra Rai. Ma Carlo Conti voleva il rap all’Ariston e, nel ballottaggio con Clementino, Moreno ha avuto la meglio e si è presentato con il suo papillon e l’abito elegante, che, con il suo solito baffetto, lo faceva un po’ assomigliare, visivamente a Domenico Modugno che cantava Nel blu dipinto di blu.

moreno-modugno

E così, ancora di più, Moreno si ritrova solo nel baratro della musica italiana. Abbandonato dal pubblico dei talent che si è già affezionato a tanti altri personaggi dopo di lui e abbandonato dall’ambiente rap, dove le regole per sopravvivere sono ferree (anche J-Ax è spesso stato attaccato e apostrofato come venduto, ma lui ha alle spalle già 20 anni di carriera e la solidità di un pubblico che, nel bene e nel male, si è dimostrato dalla sua, anzi, è anche cresciuto): o sei dentro, o sei fuori. Non importa se rappi o no e non importa nemmeno se sei prodotto da Fabri Fibra.

Quella volta là eravamo ancora a spasso
Sul Tom Tom via del successo
Poi non so cosa è successo

Per questo Moreno mi fa simpatia. Moreno rappresenta benissimo la sua generazione, la parte più fortunata dei 20/30enni che non fanno parte del 46% di giovani disoccupati, quello che si barcamena per sopravvivere nel mare della musica, che le prova un po’ tutte, ma con lo spiazzante risultato che l’unica cosa che gli domanderei, se avessi la possibilità di intervistarlo, sarebbe: ma tu che cosa vuoi fare della tua vita (musicale)? Qual è il tuo percorso musicale?

Sinceramente Moreno, io non lo riesco proprio a capire.

Crudo, spietato, diretto ma con l’abito elegante e il cravattino a me sei sembrato proprio un bravo fioeu!

Oggi mi sento così… un po’ Mosca Tze Tze

Alla prossima!

P.S. Lo sapete che anche Barbara D’Urso si è cimentata come cantante? Ecco il suo video… d’annata.

  Sono una mosca. Sono una mosca che ronza sulla musica e sono qui per disturbare. Perché nella musica mica si possono fare solo complimenti… e perché l’ironia ci sta un po’ su tutto. Vivo a Milano da sempre, ma volo ronzando per tutto lo stivale… e pungo! Tze Tze
segui su: