Anche GIULIA OTTONELLO “la tiene como todas” o no?

giulia-ottonello

Torno per l’ultima volta, giuro, sull’argomento, perché a me della patatina della Pausini non me ne frega un emerito cavoletto di Bruxelles.

Nuda, vestita o con l’intimo nude, poco cambia… in fondo mancano poche ore alle tanto agognate ferie estive che poi bye bye ufficio fino al 25 agosto, bye bye bilanci riclassificati, bye bye centrali rischi Bankitalia e Assilea. Bye bye colleghi che mi starete anche simpatici (quasi) tutti, ma dopo una vita a vederci tutti i giorni, un periodo di stacco dal vostro bel faccino ci vuole proprio.

E bye bye pure patatina della Laura. Che non è speciale, ma anche se lo fosse, a me che me ne verrebbe?

Questo per descrivervi il clima che agitava il mio neurone impazzito nella testa e sballottato a destra e sinistra dalle alucce azzurrine, quando ieri mattina ché ero in ufficio un po’ troppo presto (ho timbrato alle 8.15, mera vita dell’impiegato e la sua corsa al cartellino che il record mondiale di Usain Bolt ci fa una pippa quando dobbiamo rincorrere l’ultimo pullman che ci fa arrivare in orario) e mi sono messa a smanettare su Facebook sul mio cellulare divorando in 20′ almeno il 10% di batteria e mi sono imbattuta in un video di tale Giulia Ottonello (dalla regia mi dicono ex concorrente di Amici di Maria de Filippi, seconda edizione, forse pure vincitrice… illuminatemi voi).

Armata di spazzola e accappatoio in microfibra dal colore indefinito (Giulia, perché fai i lavaggi a 90°, ormai lo sappiamo tutti che Dash, Dixan e compagnia bella sono attivi già alle basse temperature!) si aggira per casa cantando… all’improvviso la vestaglia si apre e… sorpresa! Ce l’ha come tutte le altre? Siete sicuri? Io no!

Ecco il video:

 

Giulia, per fortuna io non ce l’ho come te!!!

follow me

Vostra informatissima (e un po’ imbarazzata)
Mosca Tze Tze

Sostieni la Musica Italiana e AllMusicItalia acquistando la copia originale dell’ultimo album di GIULIA OTTONELLO in formato digitale su Itunes
o il singolo su Amazon

  Sono una mosca. Sono una mosca che ronza sulla musica e sono qui per disturbare. Perché nella musica mica si possono fare solo complimenti… e perché l’ironia ci sta un po’ su tutto. Vivo a Milano da sempre, ma volo ronzando per tutto lo stivale… e pungo! Tze Tze
segui su: