Videointervista a Gabriele Ciampi: viaggio alla scoperta dell’hip-hop sinfonico

Gabriele Ciampi

Gabriele Ciampi è pronto per la prima delle sue due date italiane. Questa sera, 4 dicembre, sarà infatti il giorno del concerto-evento che si terrà al Teatro del Verme di Milano, nel quale l’artista originario di Roma presenterà dal vivo i brani dell’album Hybrid (uscito in tutto il mondo lo scorso 26 ottobre su etichetta Universal Music), esempio di contaminazione musicale che arriva fino all’hip hop.

Per l’occasione Gabriele Ciampi sarà accompagnato sul palco dall’orchestra sinfonica I Pomeriggi Musicali, formato esclusivamente da musiciste. Sarà l’occasione per l’artista di confrontarsi con l’universo femminile, in quanto per la prima volta accenderà i riflettori sulla figura della donna musicista.

Faccio volentieri un passo indietro per assistere ad una diversa interpretazione della mia musica. La creatività femminile ha quel quid in più e la considero unica ed eccezionale. A Milano sarà un onore per me collaborare con l’orchestra sinfonica I Pomeriggi Musicali e con donne musiciste di grande spessore provenienti da varie parti del mondo come la violinista Fatlinda Thaci, la giovane e talentuosa pianista russa Elena Nefedova e la colombiana Carolina León Páez, violista e Direttore d’orchestra” spiega Gabriele Ciampi.

L’artista poi aggiunge: “Erroneamente si associa lo stile hiphop al rap: l’hipchop è cultura e nasce come forma di protesta. Molto cantanti rapper, specialmente italiani, creano soltanto delle rime ma non appartengono alla cultura hiphop e non ne faranno mai parte. Ho ascoltato molto questo stile, confrontandomi con alcuni protagonisti importanti della scena americana e mi ha colpito molto l’hiphop di protesta, tipico degli anni ’90: un modo di rompere gli schemi del passato e una voglia di cambiamento. Ricordiamo un episodio tra tutti, nel 1991 la canzone By the time I get to Arizona di Public Enemy. Allo stesso modo la musica classica è in continua evoluzione, e per un compositore la cosa più bella è sperimentare: ricreare un beat hiphop e affidare all’orchestra la ricerca della rima “perfetta” è stato il lavoro alla base della creazione del brano Hybrid

Gabriele Ciampi

VIDEOINTERVISTA A GABRIELE CIAMPI

In attesa dei concerti milanesi e romani, abbiamo incontrato Gabriele Ciampi e con lui abbiamo parlato di musica a 360 gradi.

GABRIELE CIAMPI

L’artista romano è l’unico italiano in giuria ai Grammy Awards di New York. Tra i suoi più grandi successi ci sono: l’esibizione alla Casa Bianca su invito di Michelle Obama, un brano composto per Papa Francesco che poi lo ha incontrato e la medaglia Eccellenza Italiana conferitagli dal Senato della Repubblica Italiana, ma anche la Green-Card per Extraordinary Ability rilasciata dal Governo Americano.

Dopo il concerto al Teatro del Verme di Milano del 4 dicembre, Gabriele Ciampi si esibirà a Roma all’Auditorium Parco della Musica il primo gennaio 2019.



 

Prezzo: EUR 17,01
Prezzo: EUR 12,55

 

  Musicista, speaker e direttore artistico di Radio Due Laghi e collaboratore di diverse testate nazionali e internazionali