Renzo Arbore: “Guarda… Stupisci”, la storia della canzone umoristica napoletana su Rai 2 (Intervista)

Renzo Arbore

E’ stato presentato al Blue Note di Milano Guarda… StupisciModesta e Scombiccherata Lezione sulla Canzone Umoristica Napoletana, il nuovo programma in onda su Raidue in prima serata il 12 e il 19 dicembre 2018 con Renzo Arbore, Nino Frassica e Andrea Delogu.

Il primo a prendere la parola è Carlo Freccero, da qualche settimana alla guida della seconda rete Rai. “Ho voluto fortemente essere qui per omaggiare Renzo Arbore. Lui è nel DNA di Raidue. Vedrete com’è perfetto! Questo è un esempio di ciò che dovrebbe essere la buona televisione, che reinventa l’archivio e la nostra memoria.

Prosegue Andrea Fabiano, Direttore di Raidue fino a qualche settimana fa. “E’ iniziato tutto un anno fa con la presentazione di Indietro Tutta 30 e Lode e ora la mia esperienza su Raidue si chiude con questo programma che sarà realizzato nel Centro di Produzione di Napoli. Si tratta di un mix tra talento, artigianalità e progettata improvvisazione. Abbiamo notato subito che gli ospiti divertivano e si divertivano. Tutto ciò crea un concentrato di bellezza artistica. Renzo ha ben chiaro dove vuole portare il proprio pubblico e per me è stato un privilegio lavorare con lui.

Prende poi la parola Andrea Delogu, di nuovo al fianco di Renzo Arbore e Nino Frassica dopo l’esperienza di Indietro Tutta 30 e Lode: “Essere richiamata… significa che faccio parte della famiglia. Renzo e Nino sono dei maestri! Hanno insegnato come far ridere senza volgarità, ma con un umorismo di classe!

Renzo Arbore

Arriva poi il momento di Renzo Arbore che scherza: “Mi fanno parlare per ultimo perché sono il più anziano? La presentazione del mio primo programma su Raidue fu a Milano. Questo non sarà mica l’ultimo?” E prosegue: “Vorremmo mostrare una Napoli da cartolina. Abbiamo creato un format per mostrare alle nuove generazioni quello che non conoscono. Nel programma cerchiamo di riscoprire le canzoni umoristiche napoletane, partendo da Roberto Murolo, Nino Taranto e Renato Carosone. Nella canzone napoletana ci sono i meccanismi comici che poi sono state ripresi da tutti: il gioco di parole, lo sfottò e il doppio senso. L’umorismo nasce da Napoli!

Renzo Arbore pone l’attenzione sui ragazzi, al quale è dedicato lo show. “I giovani oggi non vengono istruiti a frequentare il web. La rete mette a disposizione la cultura, l’archivio. Il compito di una persona della mia età è quello di insegnare. Il rap non lo posso fare e quindi ci provo in questo modo. Anche in studio ci saranno giovani artisti talentosi, studenti di numerose arti dello spettacolo. Li abbiamo selezionati attentamente!

Nel programma ci sarà, infatti, un’aula universitaria di fantasia intitolata a Totò con studenti delle discipline dello spettacolo che assistono e riflettono durante lo show e che potranno intervenire per esprimere la loro opinione.

Parlando di Guarda… Stupisci Renzo Arbore conclude: “Con questo programma ci auguriamo che prima poi tornerà una televisione elegante e non rissaiola. Ora c’è la dittatura dell’ascolto. Quanta tv non di qualità viene premiata dagli ascolti… Ma nell’intenzione noi non possiamo privilegiare il numero…

Renzo Arbore

I tre conduttori saranno accompagnati dall’Orchestra Italiana che interagirà anche con i numerosi ospiti che prenderanno parte al programma. Tra loro ci saranno Gigi Proietti, Lino Banfi, Enrico Montesano, Lello Arena, Enzo De Caro, Marisa Laurito, Stefano Bollani, Teo Teocoli, Vittorio Marsiglia e Tullio De Piscopo.

Un’ultima curiosità riguardo a un possibile ritorno alla discografia con un progetto musicale: “La musica è come la televisione la mia passione. Chissà… Prima o poi...”

VIDEOINTERVISTA A RENZO ARBORE, NINO FRASSICA E ANDREA DELOGU

Al termine della presentazione Renzo Arbore, Nino Frassica e Andrea Delogu hanno rilasciato qualche dichiarazione a proposito della musica napoletana e del programma.

Foto dai Social di Andrea Delogu

 

 

  Musicista, speaker e direttore artistico di Radio Due Laghi e collaboratore di diverse testate nazionali e internazionali