INTERVISTA a FURIA e LUIGI ALBERTELLI: la strana coppia che fa le carte alla musica italiana

furia e luigi albertelli

Oggi intervistiamo una strana coppia, quella formata da Furia e Luigi Albertelli.

Luigi Albertelli è uno dei più noti parolieri della musica italiana. 83 anni, nella sua carriera ha vinto due volte il Festival di Sanremo: nel 1969 con Zingara e nel 1987 con La notte dei pensieri e ha firmato il testo di brani indimenticabili come Non voglio mica la luna e molte sigle di storici cartoni animati come Goldrake e Anna dai capelli rossi.

Furia, invece, è una talentuosa cantautrice che crede in ciò che fa e racconta a suo modo, ma con occhio critico e numerosi particolari, il mondo che ci circonda.

Apparentemente sono due mondi distanti, a tratti anche opposti, eppure i due si sono incontrati e hanno preparato uno spettacolo in cui ripercorrono le tappe della storia musicale del Maestro Albertelli e propongono i brani dell’album di Furia.

Un progetto che potrebbe sembrare bizzarro, ma che in realtà è semplicemente in bilico tra una dimensione onirica e la cruda presa di coscienza su una realtà a volte fin troppo dolorosa.

furia e luigi albertelli

Ci sono grandi e piccole storie che segnano il nostro tempo, o che da un tempo lontano ci ispirano, ci insegnano a crescere o ci spaventano, restando dentro di noi in modo indelebile. Ce le tramandano i libri, il cinema, la musica, le leggende personali di celebrità e di campioni o, più in piccolo, sono fatti che ci accadono o sono accaduti agli amici, oppure ci arrivano come uno schiaffo dalla cronaca di ogni giorno, superando ogni fantasia o paura.

Il viaggio di Furia è un contenitore di storie vere narrate come cronache poetiche, alcune di un passato glorioso, altre di ferite antiche che ancora si aprono nel presente.

Leggi anche:  INTERVISTA a FILIPPO GRAZIANI: "Mettici Vita per me è una sorta di mantra. Vivere passivamente è profondamente sbagliato"

Ecco la video intervista per scoprire meglio questo progetto. Buona visione!

 

Articolo e intervista di Simone Zani

 

  
segui su: