Intervista ad AleSol: “Le mie caratteristiche più importanti? Vivacità e solarità!”

Alesol

Abbiamo parlato di AleSol nelle scorse settimane (Qui) proponendo, tra l’altro’, l’anteprima del suo singolo d’esordio Un’autostrada per il Sole, brano tipicamente pop dal sapore estivo scritto da Francesco Morettini e Luca Angelosanti.

Abbiamo posto qualche domanda alla giovane artista napoletana per conoscere meglio il suo percorso e ci siamo accorti che ha le idee davvero molto chiare! Ecco la nostra intervista!

INTERVISTA AD ALESOL

Ciao AleSol. Nel tuo nome c’è la parola Sole e il tuo singolo si intitola “Un’autostrada per il sole”. Quanto conta per te questo elemento vitale?

Per me il sole è un elemento fondamentale, non a caso è presente nel nome così come nella canzone. È sia la traduzione spagnola di sol, ossia sole, ma anche il simbolo delle mie due caratteristiche caratteriali: la vivacità e la solarità. Il sole è un elemento che dona allegria ma soprattutto forza, io dico sempre a me stessa che in un cielo pieno di nuvole ci può sempre essere un raggio di sole.

ALESOL

Come definiresti la tua musica? Qual è stato il primo cd che hai acquistato?

Definisco la mia musica estiva e fresca, rappresenta il mio amore per questo mondo italiano e quello latino. Il primo disco che ho acquistato è stato quello de Il Volo: sono sempre stata loro fan e lo sono ancora. Per quanto riguarda il mondo latino, invece, il mio primo acquisto è stato il disco di J Balvin.

C’è una canzone che ti ha cambiato la vita?

C’è una canzone che mi ha cambiato la vita…, anzi, con questa canzone ho iniziato a credere ancora di più nella musica e nella sua forza. La canzone in questione è Se provi a volare di Luca Dirisio: ero molto piccola ma ricordo che la cantavo spesso ogni volta che mi chiudevo in un mondo tutto mio.

Alesol

Napoli ha una tradizione musicale unica. Cosa ti avvicina alla realtà musicale partenopea? E in cosa ti senti distante?

Sono molto legata alla mia terra e alle sue tradizioni. La musica classica napoletana per me è storia che ha viaggiato in tutto il mondo. La passione l’ho ereditata dai miei nonni non a caso la canzone napoletana classica che amo cantare spesso in chiave lirica è O’Sole mio.

Una delle tue passioni è la scrittura in spagnolo. Come mai? E’ vero che spagnolo e napoletano hanno una musicalità simile?

Come accennavo, sono una grande amante della musica spagnola e delle sue tradizioni. Ho studiato spagnolo alle superiori ed ancora oggi lo studio all’Università. Mi piace anche scrivere canzoni in spagnolo, credo ci siano molte influenze qui, avendo avuto il dominio spagnolo. Sicuramente ci uniscono l’allegria e la musicalità.

Quali sono i prossimi obiettivi che vorresti raggiungere?

Il mio obiettivo è arrivare lontano, senza mai fermarmi e rendere fieri tutti coloro che insieme a me ci ha creduto fino in fondo.

 

Foto di Christian Cerbone

 

 

  Musicista, speaker e direttore artistico di Radio Due Laghi e collaboratore di diverse testate nazionali e internazionali