Intervista a ERMAL META: “Una canzone per Vasco? La speranza non è mai un vestito troppo pesante da indossare”

ermal-meta

Dopo avervi presentato i contendenti e il cast ufficiale (leggi QUI e QUI),  torniamo ad occuparci di Sanremo Giovani per proporvi l’intervista ad uno degli artisti che a febbraio saranno protagonisti della sezione dedicata alle nuove proposte del Festival 2016 che sarà nuovamente nelle mani di Carlo Conti.

Stiamo parlando di Ermal Meta, che ha già calcato quel palco nel 2010 con la band che ha caratterizzato la prima fase della sua carriera, i La Fame di Camilla.

Oggi è diventato uno degli autori della nuova generazione più richiesti sulla scena musicale italiana grazie ad una lunghissima lista di successi realizzati per altri artisti dopo lo scioglimento della sua band (si va da Emma a Patty Pravo, da Francesco Renga a Marco Mengoni).

Non abbastanza per Ermal, che torna al centro della scena con la propria musica, grazie a Odio Le Favole, prima tappa del suo nuovo progetto discografico che vedrà la luce proprio a Sanremo.

E partiamo proprio da questo pezzo per una veloce chiacchierata con lui, che ci fa capire progetti e sensazioni di questo giovane artista all’indomani del raggiungimento di questo piccolo grande traguardo. Spazio ai sogni come autore e ai progetti che lo vedono totalmente immerso nella lavorazione del suo disco, al punto da dover lasciare a malincuore la collaborazione musicale con una fiction cult del nostro paese.

Ecco l’intervista.

ermal-meta

Benvenuto su All Music Italia Ermal, partiamo da Odio Le Favole? Di cosa parla la canzone che porterai a Sanremo Giovani 2016?

Odio le favole parla di quanto a volte le emozioni facciano diventare giganti i momenti e quando dopo un di tempo la tempesta lascia spazio ad un vento leggero.

Come è nato questo brano?

È nata assolutamente per caso. Mi girava questa melodia in mente da giorni e non riuscivo a liberarmene. A quel punto ho pensato che l’unico modo per liberarmi le orecchie fosse quello di farci una canzone.

Il tuo pezzo è già disponibile su iTunes ed è accompagnato da un video. C’è stato un commento in particolare che ti ha colpito in questi primi giorni che la canzone inizia a girare veramente? 

È stato molto bello ricevere i complimenti da parte di colleghi e artisti affermati con cui ho collaborato. È sempre un grande piacere per me condividere i bei momenti con loro…

Se dovessi scegliere un brano non tuo per rappresentare al  meglio il momento che stai vivendo quale canzone sceglieresti?

Sceglierei senza ombra di dubbio C’è tempo di Fossati. È LA CANZONE per quanto mi riguarda. È molto aderente alla mia anima in questo momento.

In più occasioni è stata sottolineata la tua attività come autore per moltissimi brani di successo. Dopo la fine dell’esperienza con il tuo gruppo La Fame di Camilla, hai mai pensato – dati anche i riscontri – di continuare la tua carriera esclusivamente come autore?

In verità ho pensato sempre di scrivere. Ciò che succede dopo è solo una questione di contingenze del momento. Lo capisco solo dopo per chi è la canzone appena nata. Scrivere si, ma anche seguire un mio progetto. Credo che si possano fare entrambe le cose.

Esiste un nome – esclusi quelli con i quali hai lavorato – per il quale riterresti un traguardo vero il realizzare un brano? 

Beh mi sentirei molto fortunato se potessi scrivere una canzone per/con Vasco Rossi. Lo so che è come dire “vorrei volare”, ma la speranza non è mai un vestito troppo pesante da indossare.

Se anche per i Giovani ci fosse la possibilità di duettare con qualcuno come avviene il venerdì per i big, chi porteresti con te su quel palco a febbraio?

Sinceramente non lo so. Non ci ho pensato, a occhio direi una voce femminile, ma non te lo dirò mai… (ride ndr)

Hai già pronto un progetto discografico che seguirà questo brano? Mi puoi anticipare qualcosa?

Sto realizzando un album. Sono in studio proprio adesso. È molto energico e anche con delle ballad molto intense. Sto lavorando molto sul suono, voglio un risultato molto personale.

Prenderai parte alla colonna sonora di Braccialetti Rossi 3 in arrivo ad aprile? 

Purtroppo non ne prenderò parte in quanto gli impegni non mi hanno permesso di dedicarmi in maniera totale come mi piace fare in genere. Sono sicuro che anche questa serie sarà un grande successo.

Ringraziamo Ermal Meta per la sua disponibilità e se per vederlo all’opera sul palco del Teatro Ariston dobbiamo aspettare ancora un pò, possiamo già entrare nel suo mondo musicale acquistando proprio Odio Le Favole, un modo per sostenere la nuova musica italiana.

 ERMAL META – ODIO LE FAVOLE

  Classe 1983, piemontese, su AllMusicItalia per fondere finalmente passione ed esperienze maturate nella musica e nella scrittura, con l’obbiettivo di creare un racconto che possa portare un punto di vista originale su quanto presente nel panorama musicale del nostro paese. Il tutto armato di curiosità, in particolar modo nei confronti dei mille sorprendenti volti offerti dalla musica emergente italiana.
segui su: