MARINA MORPURGO e BLASCO… “E´solo un cane (dicono)”

marina morpugo

Sono andato alla libreria Centofiori di Milano alla presentazione del libro dell’amica Marina Morpurgo intitolato E’ solo un cane (dicono) edito da Astoria.
Marina è una ex giornalista dell’Unità. Traduttrice e scrittrice di molti libri. Tanti sono per bambini.

Nel libro Marina narra la storia della sua famiglia ebrea e della fuga dai nazifascisti. Ma soprattutto il libro parla del cane Blasco detto il Conte. Il legame tra Marina e questo cane è stato più di un amore reciproco. E dico è stato perché Blasco a un giorno dalla presentazione se ne è andato. Era molto malato. Tutti, tantissimi abbiamo seguito su Facebook la storia di Blasco e Marina. Tutti seguivano i suoi progressi di salute e i suoi regressi. Poi ha chiuso gli occhi. E tutti lo abbiamo pianto.

marina morpugo

Sto insistendo sulla parola “tutti” perché alla presentazione c’eravamo veramente tutti. Era da tempo che non vedevo centinaia di persone alla presentazione di un libro. Tantissimi, compreso il sottoscritto, sono rimasti fuori. E l’hanno ascoltata da un altoparlante.
Penso che il fatto sia che non è stata solo una presentazione. Ma un gesto d’amore verso Marina e il suo cagnone. Un allegro funerale dove il bene e il sorriso erano quasi d’obbligo. Certo che il magone c’era. C’era eccome. Ma l’amore anche nella disperazione e nell’addio esige dignità. Anche perché siamo ebrei. E forse solo gli ebrei possono capire quello che ho appena scritto.

marina morpugo

Il libro? Quando sono andato per comprarlo era esaurito. Ne ho comprato un altro di Marina. Pervaso dalla sensazione di averlo in parte già letto da tantissimo tempo.

marina morpugo
Il regalo di Blasco per il sottoscritto è stato quello di incontrare una cara amica che non vedevo da trent’anni. Conoscere tanta belle persone. E tanti bei cani. Ce n’erano tantissimi. Il bassottino mi ha sleccazzato la faccia. Un barboncino timido si è fatto accarezzare.
Accarezzare. Sleccazzare la faccia che poi sono dei baci. Essere e sentirsi buoni almeno per due ore. Amicizia. Amore. Ecco cosa ci ha lasciato Blasco detto il Conte. E gliene sono grato. Come sono grato a Marina .
Che poi tanto ci si vede caro Blasco… ovvio viene in mente Vasco Rossi. E a me delle parole della canzone Toffee.

Toffee.. come sei gia’ sveglio?
Da quanto tempo sei li’…
così’ 
hai gia’ preparato il caffe’
Saresti proprio un brava moglie.. eh…

Toffee… passami l’asciugamano
quello bianco… li’… sul divano
Toffee…
dai che c’ho freddo Toffee…

  Come giornalista si è occupato di cronaca nera, di cronaca giudiziaria e di guerra. seguendo anche da vicino l'inchiesta di Mani Pulite. Ha inciso otto dischi come cantautore. Come autore ha scritto canzoni insieme a Tom Waits, Suzanne Vega, Leonard Cohen e Roberto Vecchioni.
segui su: