A TUTTO POP #19: aneddoti su brani di SALMO, MINA & CELENTANO e LUCA NAPOLITANO

salmo

Diciannovesimo appuntamento con la rubrica curata dal nostro critico musicale Fabio Fiume, che vi porta a spasso per la musica italiana, camminando sul tempo, sugli stili, nelle carriere di artisti proponendo grandi successi ed a volte anche brani da riportare alla mente, che magari non sono più così passati come alcuni cult.

Questa settimana si passa da due artisti senza tempo quali Mina & Celentano con la loro Acqua & Sale il cui racconto gode anche dell’intervento inedito di uno dei suoi autori, “l’Audio 2Enzo Leomporro, passando per una delle star dell’attuale hip hop, Salmo, che in breve tempo è diventato una delle icone dello stile, fino ad un talentuoso, forse oggi un po’ dimenticato ma che a suo tempo avete amato in tanti, Luca Napolitano. Non resta che lasciarvi catturare dalle curiosità riguardo ai tre brani scelti e poi riascoltarli per rifarli vostri.
Buona lettura e buon ascolto
Salmo – 1984 ( 2015/16 )

Uscito pochi giorni prima di Natale 2015, questo singolo apripista del rapper sardo Salmo si rivelò subito molto atteso e non poteva essere altrimenti, visto il successo “quasi” improvviso del precedente lavoro. Questa traccia arrivava difatti in anteprima dell’album Hellvisback uscito nel 2016 e, ad oggi, ultimo ed ancora in classifica lavoro dell’artista. 1984 è stata composta interamente da Salmo, non solo nel testo, ma anche nella parte musicale ed è il racconto della sua vita; 1984 è il suo anno di nascita, tra l’altro. Nonostante il successo immediato di questo nuovo singolo, certificato quasi subito disco d’oro ed in seguito di platino, non mancarono le polemiche, che arrivarono proprio da un’associazione di Olbia, città natale del nostro, chiamata Sensibilmente e risentita per una frase del testo in cui il rapper nel raccontarsi esclama “parlavo poco, sembravo autistico”. Tale associazione ha chiesto di spiegare questa frase che tirata giù nel testo dà la sensazione di essere usata con tono dispregiativo verso quello che invece è un problema da trattare con i guanti. Ovviamente la risposta del rapper non si è fatta attendere ed è stata sbrigativa ed esaustiva al contempo, esplicando di non aver usato quel termine in maniera dispregiativa e soprattutto di ritenersi vicino a tutte le persone che vivono questo stato. Mentre 1984 ha raggiunto la posizione 25 della single chart, l’album Hellvisback è invece stato leader della classifica di riferimento ma non solo; è ancora presente in classifica da quasi un anno e mezzo ed è vicinissimo al traguardo del secondo disco di platino.
La frase:Ho fatto i peggiori lavori per ripagarmi i cd, sognando un futuro migliore, tipo questo qui…!
salmo
Mina & Celentano – Acqua e sale ( 1998 )

Può una canzone essere un classico già 5 minuti dopo la sua uscita? Certo che può, se a cantarla sono due mostri sacri della nostra musica quali Mina e Adriano Celentano. Che i due fossero particolarmente affini già lo si era potuto notare nelle trasmissioni degli anni 60 e 70, che più volte gli avevano visto dividere il palco, ma quando emerse ufficialmente la notizia che stavano lavorando ad un album assieme, le cronache musicali si fermarono in attesa di ascoltare che cosa potesse venirne fuori. In realtà non è che i due leoni dovettero sbattersi molto; bastò confermare l’entourage di lavoro già al loro fianco e provare a trovare una decina di canzoni degne di nota, o nobilitarne con le loro interpretazioni qualcuna anche non così degna. Ed era già da qualche anno che la tigre di Cremona aveva scovato due cantautori napoletani, Gianni Donzelli ed Enzo Leomporro ed aveva inciso alcune composizioni come Neve o Rotola la vita diventate al contempo successi. Quei ragazzuoli poi, col nome d’arte di Audio 2, avevano anche da loro inanellato tre dischi di grande successo, uno dietro l’altro, a metà anni 90, affinando anche la loro tecnica di scrittura. Richiamarli per vedere se veniva fuori qualche brano fu un passaggio dovuto e guarda caso venne fuori questa Acqua e Sale e sarà successo dei successi. Del pezzo mi racconta per voi proprio mezzo mondo Audio 2 ovvero Enzo Leomporro: “Ghiotto l’invito a raccontare aneddoti su una delle nostre canzoni di maggior successo come autori, in quanto spesso si tende a sottovalutare tale categoria. Detto ciò su Acqua e Sale ci sarebbe tantissimo da raccontare, dalla genesi alla realizzazione finale. Per essere sintetico credo, e sono sicuro anche Gianni con me, sia un brano con un suo preciso destino: essere cantato da Mina e Celentano! La stessa Mina, dopo il grande successo, ci chiese il perché non l’ avessimo tenuta per noi, registrandola come Audio 2 ed alla risposta di Gianni di non sentirla adatta alla sua vocalità ci volle ringraziare e abbracciare. Io confesso che per molto tempo ce l’ho avuta con lui per questo, ma oggi non posso che ringraziarlo”.

Il brano all’epoca non uscì come singolo e quindi non venne rilevato in alcun modo, ma l’uscita del nuovo album dei due, a fine 2016, lo ha riportato all’attenzione, tanto da ricevere proprio il disco d’oro per le vendite digitali quasi vent’anni dopo. Ovvio che invece quell’album li sia da record. In Italia ha venduto qualcosa come quasi 2 milioni di copie.
La frase:Ore piene come un lago che se piove un po’ di meno, è uno stagno. Vorrei dire :«Non conviene, sono io a pagare amore e tutte le pene»

salmo


Luca Napolitano – Vai ( 2009 )

Raggiunse il n° 9 della classifica dei singoli questo brano del cantautore, ex Amico di Maria De Filippi della provincia di Napoli, Luca Napolitano, che appena uscito dall’accademia delle reti Mediaset si trovò lanciato in un successo importante, baciato anche da un disco d’oro, per l’album da cui questo brano era il secondo singolo estratto e di cui riprendeva il titolo. L’album Vai vantava la produzione di Mario Lavezzi ed oltre ai brani scritti da Luca raccoglieva alcune collaborazioni come quelle di Gigi D’Alessio, Frankie Hi Nrg-Mc la coppia Camba/Coro, tutti autori di un pezzo. Ad Amici di quell’anno Luca si era classificato terzo, dietro Alessandra Amoroso e Valerio Scanu con cui all’interno del programma i rapporti si erano rivelati poco idilliaci. Vai gli permise di partecipare, nello specifico, anche ai Wind Music Award dove raccolse il premio Oro per le vendite del mini album. Noto anche l’amore nato durante quegli anni con la ballerina ( poi attrice ) Alice Bellagamba, poi però sfiorito. Luca Napolitano ha pubblicato altri tre album ( due + un mini ) dopo questo lavoro d’esordio, l’ultimo dei quali uscito nel 2011. Ha anche recitato nel film A Sud Di New York di cui ha anche interpretato il brano guida.
La frase:E non ti accorgi quanto mi fai male; E dillo che c’è un altro al posto mio. Vai non voltarti, vai e vivi la tua vita come vuoi…

salmo

 

  Fabio Fiume nato a Napoli dove vive e lavora. È giornalista, critico musicale per le pagine del Roma, lo storico quotidiano campano. Contemporanemente ha scritto per diverse testate web, come Fegiz Files, Riserva Sonora, Donne e Manager di Napoli ed il glorioso Festival Blogosfere, a cura di Alessandra Carnevali che lo scelse personalmente come valida spalla al suo seguitissimo blog. Contemporaneamente scrive e conduce da 7 anni diverse rubriche per il Light MEGAzine, programma varietà di punta della milanese Radio Hinterland e con il cast della trasmissione, conduce tre edizioni della stessa da Sanremo in occasione del Festival ed un'edizione di Rozzano in Festa. Dopo altre esperienze live nel napoletano approda quest'anno alla gloriosa radio campana Club 91 come co-conduttore, nonché autore di Week end 91 - Qui c'è Musica